Perché il mio sì

2 dicembre, 2016 at 3:44 pm 2 commenti

Per quanto mi riguarda io ho deciso che sosterrò il sì, dopo un sistema istituzionale che ha portato a mio parere all’immobilismo sono convinto che un’Italia più stabile e governabile possa essere davvero un primo passo fondamentale per lo sviluppo del nostro paese e dell’intera Europa, n scrivevo su Facebook con un giovane spilambertese, Eric e questo scambio di battute mi ha aiutato a mettere nero su bianco le mie motivazioni.
umbi-e-lisa

Verso domenica con l’obbiettivo di arrivare esausti alla meta convinti di aver fatto del proprio meglio per il nostro paese, anche al mercato di Spilamberto #bastaunsì! Grazie Lisa!

Chi è chiamato a governare ovvero chi deve guidare il paese deve poterlo fare senza alibi, deve avere gli strumenti per farlo e niente scuse: o governa bene e concretizza quello che dice oppure va a casa. Vale per me perché dovrebbe essere diverso per una.forza che si era candidata per fare riforme di un certo tipo o il presidente del consiglio? Se a Spilamberto alla fine dei cinque anni non avrò fatto quello che ho promesso la responsabilità sarà solo mia perché un comune ha fortunatamente un governo stabile. Non c’è un continuo rimpallo di responsabilità e la catena decisionale, con oneri e onori annessi è chiara.
Se dovessimo governare Spilamberto con le stesse regole con cui si governa l’Italia invece non riusciremmo nemmeno a scegliere che alberi potare in tempo utile per l’arrivo dell’inverno, arriverebbe la neve e cadrebbero rami su persone o auto e di chi sarebbe la responsabilità?

tort

Per gli amanti dei numeri, grazie alla voce.info il perché è importnate avere governi stabili che faccinao quello per i quali sono stati incaricati: governare (link)

In Italia ci sono stati 63 governi in 70 anni di Repubblica, ma quale organizzazione complessa sarebbe in grado di tracciare strade di successo zigzagando nella storia cambiando ogni anno direzione? Immagina se a Spilamberto cambiassimo sindaco quasi ogni anno (e ti posso giurare che per me un anno è stato appena sufficiente per capire nel dettaglio come si guida tutta la macchina amministrativa di un comune come il nostro, figurati una nazione) che rotta potremmo tracciare per il nostro comune se non scelte effimere e di breve periodo?
face of a nation

Un progetto molto interessante, Güney Soykan ha creato i ritratti di diverse nazioni unendo i volti di chi le ha governate negli ultimi cinquant’anni. Quale rotta possiamo tracciare noi nella storia? (link)

Ecco anche per questo voterò sì per non dare a chi siede in parlamento e a chi governa, indipendentemente dal colore politico, scuse per non fare bene il loro mestiere prendendosi le loro responsabilità.

Annunci

Entry filed under: Senza Categoria.

Dal metano di pochi all’autobus per tanti: a Spilamberto ci muoviamo insieme. Fare cose di sinistra è di sinistra, parlarne e basta no |Renzi 2017

2 commenti Add your own

  • 1. Enrico Ballestrazzi  |  2 dicembre, 2016 alle 3:55 pm

    Basta anche un NO, su un referendum mal pensato , peggio proposto a sopratutto manipolato.

    Rispondi
    • 2. baschierimaurizio  |  11 febbraio, 2017 alle 7:56 pm

      SE QUESTO É UN SINDACO,IO SONO BIANCANEVE,SETTE NANI COMPRESI…..!!!!!!!

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Un sindaco vorrebbe poter accompagnare sempre e comunque i propri cittadini nei loro desiderata, ma ci sono volte in cui certe strade anche se sembrano le più facili non si possono prendere ed è necessario fermarsi, spiegare e accompagnare anche verso soluzioni più complesse. 
Questo è quello che ho cercato di fare domenica.

Grazie a quanti sono venuti a confrontarsi di persona e non sono rimasti a casa a offendere dietro a una tastiera, grazie alla comunità di San Vito grazie alla Polisportiva San Vito per la fiducia. La strada continua, insieme. 
Qui qualche approfondimento:
--> https://goo.gl/B5oZxu Incendio in vicolo de André: le persone coinvolte stanno bene, quattro sono ricoverate in ospedale,  ma non in gravi condizioni. Le altre famiglie del condominio stanno rientrando ora.
Ringrazio i nostri tecnici, Tubolino, Roli e Simonini la PM, i Carabinieri, VVFF e vicesindaco che sono subito intervenuti. Tre anni fa oggi mi avete scelto come sindaco. Tre anni fa oggi è partita una grande avventura. Poter guidare ed essere custode di una comunità generosa che oggi si trova sul corso per aiutare fratelli terremotati è davvero un grande privilegio. Grazie! #zainoinspalla #Spilamberto Imparare e mettersi in cammino. In una Milano stupenda, una splendida giornata tra #scuolapd e #20maggiosenzamuri Il 17 maggio è la giornata contro l'omofobia, la bifobia e transfobia insomma, la giornata dove si dice chiaramente che il problema è negli occhi di chi discrimina, non di chi ama. Quest'anno sono felice di poter ricordare questa data con questa foto scattata al pride di Bologna il giugno scorso. Andai in rappresentanza di Spilamberto col sostegno del consiglio comunale (cinque stelle astenuti). Credo che anche così Spilamberto stia facendo il suo pezzetto di strada verso l'art.3 della nostra costituzione: una comunità felice perché esisti così che tu possa dare il meglio di te.