Rispondendo a Simonetta

1 marzo, 2014 at 9:23 am Lascia un commento

Simonetta, volontaria spilambertese ha proposto alcune domande a entrambi i candidati, di seguito le mie risposte.§
Grazie delle domande Simonetta!

biblio

Bello l’incontro /confronto fra i due candidati sindaco di Spilamberto.

Purtroppo mi sono rimaste alcune domande…diciamo inevase. Così vorrei provare a porle online ai due candidati e perchè no anche alla segreteria del Pd:
– parliamo di mandati, l’eleziona a Sindaco di un Comune ha la durata di 5 anni, è consuetudine che questi 5 anni si raddoppino, a Spilamberto è sempre stato così.. Pensate quindi che chi vi vota adesso alle Primarie e poi anche alle Amministrative di Maggio lo faccia scegliendo il sindaco per 10 anni?

Sicuramente nel complesso con queste primarie scegli un progetto che va oltre i 5 anni. Se hai notato il programma a sostegno della mia candidatura si articola in tre categorie: azioni di breve, medio e lungo periodo. Per quelle di breve e medio i cinque anni basteranno. Addirittura tante di quelle a breve periodo sono a costo zero e si possono fare subito, è solo questione di cambio di mentalità di chi governa. Gli obiettivi a lungo periodo invece mostrano la direzione in cui vogliamo andare, per cui ci impegneremo a seminare e magari raccoglierà chi verrà dopo il 2019. Personalmente ho scelto di candidarmi ora in modo che in caso di vittoria, sia che termini il mandato nel 2019 che nel 2024 comunque avrò un’età e un bagaglio di competenze che mi consentirà di tornare al lavoro nel privato e quindi agire come sindaco nel pieno interesse degli spilambertesi senza dover imbonirmi grandi gruppi economici, multi utility o apparati di partito per aver un lavoro dopo il servizio politico.

– Non pensate che in un momento di forte crisi come questo, sia arrivato il momento di dialogare con le opposizioni presenti all’interno del Consiglio Comunale per creare un clima più favorevole alla condivisione ed alla collaborazione, una condivisione di vedute che rafforzi l’agire dell’amministrazione?
Negli ultimi anni abbiamo assistito veramente a prese di posizione sempre più dure e reciproche fra i diversi scheramenti politici, questo non aiuta neppure chi ha la maggioranza ad operare scelte oculate visto il continuo stato di tensione nel quale esse vengono definite. Come pensate di attuare questo nuovo atteggiamento?

Credo sia imprescindibile rispondere a questa risposta, o candidarsi a sindaco, senza guardare a quanto ho fatto come consigliere in questi anni. Sono sempre stato dialogante con tutti. Noi non siamo consiglieri di uno o dell’altro, noi siamo consiglieri comunali, del comune ovvero di tutti gli Spilambertesi, in rappresentanza quindi di tutta la cittadinanza. Sono convinto che le idee buone non abbiano colore politico, sono orgoglioso di poter dire che gran parte delle tante mozioni o ordini del giorno proposti da me in consiglio sono passati o con voto unanime oppure con voto comunque trasversale, c’è chi questo lo reputa disdicevole, io piuttosto ne sono onorato. Siamo a Spilamberto e personalmente credo ci si conosca per nome, non per tessera.

Se un’associazione collabora permettendo l’apertura di un servizio, mettiamo ad esempio la Biblioteca che in questo periodo è spesso chiusa, pensate sia giusto che poi questa associazione abbia un ruolo anche nella definizione delle “politiche ” riguardanti la Biblioteca ?
Il senso generale di questa domanda potrebbe essere anche: in che modo, oltre a chiedere sostegno e collaborazione alle associazioni, permetterete loro di condividere e partecipare alle scelte di base e di indirizzo?

Entrambi come candidati proponiamo di aprire maggiormente la biblioteca e questo è piuttosto emblematico, è una cosa a cui teniamo molto entrambi con la differenza che io non sono stato assessore alla biblioteca per quasi 10 anni e se potrò agire con successo in tal senso lo potrò fare solo da domani nel caso venissi scelto come candidato e poi sindaco. Per quantt riguarda le linee di indirizzo, in questi anni credo di aver dimostrato più volte la capacità di ascoltare e dialogare con i cittadini, dal blog spilumberto.com aperto nel 2008 e non un mese prima della campagna elettorale, ad un grande evento di partecipazione com’è stata la Fabbrica del programma. Ben vengano le associazioni in supporto alla comunità e ben venga la possibilità di elaborare insieme agli utenti fruitori del servizio e a chi vive vicino certe realtà la linea e l’indirizzo. Il tutto più in generale sarebbe ancor più semplice se come amministrazione riuscissimo a creare una consulta del volontariato come giù esiste a Vignola e in altri paesi in modo che si possa dialogare insieme facendo una sintesi alta dei bisogni di ciascuno. Il modo di lavorare tenuto in questi mesi con una campagna entusiasmante, partecipata e a viso aperto, se gli spilambertesi mi daranno fiducia sarà il modo che terremo più in grande nei prossimi anni.

Vi ringrazio per le risposte..specialmente ora che siamo al termine di questa lunga campagna
cordialmente
Simonetta Munari

Annunci

Entry filed under: Primarie 2014.

Tempo di osare, ora. Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Iniziano gli eventi legati alla commemorazione del 25 Aprile. Ricordiamo una Spilamberto fatta di uomini e donne coraggiose che nella loggia di una casa colonica a San Vito, in un'ansa del Guerro, in via Santa Liberata, alla Corticella o sulla carreggiata di campagna in una calda sera in via Castellaro, risposero ad una legge più alta di quella in vigore allora. Mandrioli, Cavallotti, Franchini, Bianchini, Bonetti, Calanchi, Malagoli, Castagnini, Giugni e tanti altri. Perché non importa quanti anno hai e non in importa in che anni vivi: quando la Storia bussa, a te spetta la scelta. #resistenza #liberazione
Vinitaly mode on! Portando alta la bandiera delle nostre uve e dei nostri vini! Complimenti ai nostri produttori! 👍🏽🍷🍾🌳🍁#lambrusco #pignoletto #wine #vinitaly
E poi oggi pomeriggio siamo andati a camminare con il @fai per ritrovare le tracce di scavi archeologici che ci hanno riportato a 4000 anni fa (e a conoscere dei bellissimi vitellini dell'azienda agricola La Bontà).
Oggi a Spilamberto va così. Prenditi qualche minuto, chiama qualcuno a cui vuoi bene e vatti a sdraiare là in mezzo con lui o con lei. Quei "piscialetto" e quelle margherite sono lì per voi. 🌼
Oggi abbiamo incontrato Enrico. Coraggioso testimone che partendo dal suo passato ci può aiutare ad aprire gli occhi sul nostro presente e mettere in guardia sul nostro futuro a nord e sud del Mediterraneo. Grazie al comitato genitori e alla scuola per la bella iniziativa fondamentale per i nostri ragazzi.
Per chi non mi ha visto a Roma o altrove ecco, oggi il mio compito era essere qua. Ho pedalato giù dai sassi in fretta e ci sono arrivato in tempo. "In fuga dalla Siria" davvero bello. Anche se adesso non serve a nessuno guadagnare voti gridando al migrante ve la consiglio perché le elezioni passano, i drammi no. Fa pensare. Molto. #refugees Un grande grazie agli organizzatori, sono felice che anche lì ci sia tanta Spilamberto.