FAQ: E col tuo lavoro? Se perdi fai una civica? Fai l’assessore?

5 febbraio, 2014 at 2:41 am 3 commenti

Giustamente vedendo la mole di impegni  vi potrete chiedere, ma Umberto, come fai col lavoro?

Dopo aver finito di preparare una grossa fiera in America e aver portato a termine un contratto oltreoceano, questo mese sono in aspettativa non retribuita. Ho deciso di giocare il tutto per tutto e per farlo bisogna correre e darci dentro con tutte le energie. Mi hanno insegnato a credere nelle cose che faccio, e io lo faccio per un obbiettivo alto, la nostra comunità.

Alcuni mi chiedono “e se non dovessi vincere? Farai un civica? Chiederai di entrare in giunta con la Barozzi e ci riproverai tra cinque anni?”

No.

Se dovessi perdere tornerò al mio lavoro e sosterrò chi vincerà le primarie, poi mi ritirerò dalla scena politica. Si chiama lealtà.

Inoltre negli ultimi tre anni ho provato a far convivere l’impegno in azienda con quello in comune, ma ora è tempo di scelte per potersi giocare al 100% o in comune o in azienda. Ho la fortuna di avere un lavoro che mi appassiona, che mi dà la possibilità di parlare a con cognizione dell’industria nel nostro territorio, che mi rende libero, autonomo e che mi potrebbe dare grandi soddisfazioni e sarei disposto a lasciare solo per farne uno ancora più appassionante quale servire la propria comunità nel ruolo di primo cittadino.

Avere un lavoro a cui poter tornare dopo il servizio politico per un uomo è importante, rende il politico libero dalle altre “sirene di fine mandato” e mi permette di affermare convintamente che “la mia unica lobby sono gli spilambertesi”.

 

Un sorriso,
Umberto

Annunci

Entry filed under: Senza Categoria.

Via le calotte dai cassonetti: vittoria! E ora voltiamo pagina. Il tour dei bar

3 commenti Add your own

  • 1. adolfo simonini  |  10 febbraio, 2014 alle 6:08 pm

    ciao umberto …… se perdi le primarie , cosa che ci sta , per favore ,fai una lista civica, cosi anticipi il cambiamento , spilamberto ne ha assoluta necessita ……..magari anche di un po di pulizia

    Rispondi
  • 2. Umberto  |  10 febbraio, 2014 alle 6:20 pm

    Ciao Adolfo,
    grazie per il commento.
    Se dovessi perdere non mi ricandiderò come consigliere e nemmeno a capo di un’altra lista, si chiama lealtà e fare il contrario oltre a non condividerlo, credimi non porterebbe a nessun cambiamento.
    L’Italia è piena di persone che uscite dalla porta, per attaccamento alla poltrona, rientrano dalla finestra.
    Non sarò io il prossimo.

    Vieni a votare il 2 marzo e porta quanti più amici puoi, vedrai che così lo anticiperemo sul serio il cambiamento e apriremo le porte al futuro di cui Spilamberto ha tanto bisogno.

    Buona serata!
    Un sorriso,
    Umberto

    Rispondi
  • 3. adolfo simonini  |  12 febbraio, 2014 alle 1:02 pm

    ciao umberto , scusa se approfitto del mezzo per farti una domanda visto che il PD e la politica la conosci meglio di me……alcuni mesi fa abbiamo votato e a capo del governo non cè ne bersani , ma neanche berlusconi , legittimamente eletti , ma letta , spuntato da sotto un cavolo …….ora sembra che pure lui venga accantonato per far posto a uno neanche eletto come come quel pirata di monti……ma dove è la democrazia , a cosa serve votare se poi il palazzo fa ciò che gli conviene ?poi non meravigliamoci se grillo fa il pieno di voti
    ciao e buona campagna elettorale

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Oggi ho iniziato a consegnare i lumini a scuola per la giornata della memoria. È un piacere e un grandissimo privilegio poter frequentare questi posti perché se c'è un senso in quello che facciamo il senso è qui. Un grazie grande a tutti coloro che rendono viva la scuola. Avete una missione grande.

Ps. Quando ero piccolo nel bianco ti salvavi, il rosso era la lava. Ovviamente dovevi farlo di corsa. :) Ispirazioni in una splendida giornata.
#roots Venerdì sera con Giuseppe 
#project #workinprogress #workhardplayhard #beatagioventù Esci di corsa per prendere il tram e... sbam! Sbatti contro la storia. 
Era nato cent'anni prima di me. "QUI ABITAVA ANTONIO ATZORI, NATO 1887, ARRESTATO COME POLITICO, 4.1.1944, DEPORTATO, KZ MATHAUSEN, MORTO, 15.2.1945"

#arrestatocomepolitico #antifascismo
#1887 #1987 #87 La nostra ambizione è fondare gli Stati Uniti d'Europa, la bella notizia è che Emma Bonino è con noi. #direzionepd @partitodemocratico @piueuropa “Ogni pensiero può cambiare il destino,
persino un bambino sa farlo,
basta avere un sogno,
e poi stringerlo in pugno,
vedrai si avvererà.” "Mamma, papà, mi sono innamorato: si chiama Giuseppe!" Ecco precisamente otto anni fa in casa con queste parole facevo il coming out più difficile. Prima mia madre poi, una volta salite quelle scale, mio padre. Lo ammetto, mi aspettavo un abbraccio, un invito a cena o qualcosa del genere, e invece mi schiantai a tutta velocità contro un "ci hai deluso", un "sarebbe stato meglio un tumore" e altre esternazioni che col tempo ho rimosso. Fortunatamente le cose da allora stanno migliorando. Siamo cresciuti, tutti. Se oggi sono qui raccontarlo lo devo ad alcune convinzioni e persone. La prima Is.43 "tu sei prezioso ai miei occhi", la seconda mia sorella presente da sempre, a ruota mio cognato e davvero tanti altri amici e parenti che si sono resi strumenti d'amore e non di sofferenza. A loro il mio grazie. Sono felice perché oggi (finalmente) ci siamo messi d'accordo per una pizzata insieme: è un evento. Mamma e papà, ci sono voluti otto anni, ma finalmente ci siamo, insieme. Grazie.
Spero che queste poche parole possano essere d'aiuto a quelle ragazze e quei ragazzi che oggi soffrono per colpa di pregiudizi inculcati nella testa dei loro genitori da una educazione disumana disumanizzante e che le stesse parole possano aiutare quelle madri e quei padri che soffrono perché "mal-educati" per questo ancora incapaci di abbandonare aspettative, preconcetti e falsi dogmi per abbracciare pienamente l'amore dei propri figli amandoli così come sono felici perché semplicemente esistono. 
Un grazie particolare a Max Gazzè, quel giorno per tutto il giorno ascoltai una sua canzone "splendere ogni giorno il sole".