Via le calotte dai cassonetti: vittoria! E ora voltiamo pagina.

30 gennaio, 2014 at 12:27 pm 2 commenti

Udite udite: le calotte verranno tolte dai cassonetti. Vittoria! Ora, il comunicato di Lamandini in merito (vedi) si può riassumere in un “Visto che va tutto bene, torniamo indietro”. Fa quantomeno sorridere.

gazzetta 2014- 01-29 lamandini no slot

“visto l’ottimo risultato” dalla Gazzetta di Modena 23/01/2014

Onore al merito di chi ha sperimentato, questo glielo riconosco, ma visti anche i disagi creati e i tanti soldi spesi, da un sindaco mi aspetterei anche il coraggio e l’umiltà di riconoscere con franchezza i propri errori anche quando a farli notare e proporre alternative è il consigliere più giovane. Come dissi a suo tempo, se uno sbaglia strada, non c’è nessun problema, si ammette e l’errore e via si torna indietro per recuperare.
Multe davanti al cassonetto, telecamere paventate, squadre della municipale a controllare i rifiuti: nulla più di tutto questo

Multe davanti al cassonetto, telecamere paventate, squadre della municipale a controllare i rifiuti: nulla più di tutto questo

Ricordo quando pochi mesi fa sia in estate (vedi) che in autunno (vedi) la proposta di abolire le calotte e le tessere  fu giudicata come una proposta strumentale e piglia voti.
Gazzetta 30.10.2013 2
Assieme al mio stop al consumo di suolo per nuove edificazioni senza recupero dell’esistente (vedi), fu motivo dell’ “avvertimento” di togliermi le deleghe al comitato memoria (vedi).
Venni definito “un ragazzo inesperto e che ha tanto da imparare” certo questo non lo metto in dubbio, da imparare c’è sempre tanto e l’esperienza si costruisce con la pratica, però dopo mesi è chiaro che tale affermazione venne fatta più per l’età anagrafica che per la bontà o meno di una proposta che ora dopo mesi si ammette essere giusta.
lamandini ascolti la gente
Questo risultato lo vedo come la prima vittoria della mia candidatura a sindaco e ne sono particolarmente soddisfatto, da che ero il solo a farla ora è avvallo della maggioranza anche del partito democratico, e come me più sollevati saranno finalmente tanti cittadini spilambertesi che potranno finalmente conferire con semplicità i loro rifiuti.
Se vinceremo primarie ed elezioni toglieremo anche le inutili tessere e omologheremo il nostro sistema di raccolta con i sistemi di raccoltà più semplici già presenti nei territori limitrofi quali Castelvetro, Marano, Castelnuovo e San Cesario (vedi foto sotto) , che senza tessere, slot o altri marchingegni, ma semplicemente con feritoie per l’indifferenziato e campagne di educazione, spiegazione  e dialogo con la cittadinanza hanno raggiunto valori di raccolta analoghi ai nostri.
Nuovi-cassonetti-WEB-grande
Lavoreremo molto di più anche noi sull’educazione alla raccolta differenziata e in futuro vaglieremo la possibilità di un sistema che possa davvero premiare chi si comporta meglio producendo meno rifiuti di altri o differenziando meglio di altri. In tanti comuni italiani questo già avviene, ma senza slot sui cassonetti o tesserine varie, ma piuttosto con una raccolta di indifferenziato, plastica  e carta domiciliare svolta dall’azienda fornitrice del servizio di raccolta in maniera pulita, puntuale ed efficiente che renda più ordinati i nostri quartieri.
Capitolo chiuso, ora che abbiamo archiviato un problema ed è finita la battaglia dei rifiuti guardiamo avanti. Come già dissi a suo tempo quelli che per l’attuale giunta sono punti di arrivo dopo un lavoro durato dieci anni, per me sono punti di partenza.
Spilamberto deve tornare a vivere e liberare la propria bellezza, valorizzare il proprio ambiente, generare lavoro e dar credito alle buone idee. Archiviata con successo la questione rifiuti, questa domenica alle ore 11.00 al Famigli presenteremo le proposte con cui mi candido a sindaco per cambiare il futuro di Spilamberto.
Vi aspetto, un sorriso, Umberto
volantinaggio bicicletta
Annunci

Entry filed under: Senza Categoria.

Un giorno a scuola FAQ: E col tuo lavoro? Se perdi fai una civica? Fai l’assessore?

2 commenti Add your own

  • 1. Maurizio  |  17 febbraio, 2014 alle 8:16 pm

    Non so esattamente come giudicare il fatto che verranno tolte le calotte, girelle o come si vogliono chiamare , era talmente assurda la scelta di aver sperimentato tale sistema che il tornare a parlare di sistemi ” normali ” di raccolta è un avvenimento da festeggiare !!!!
    Ho una domanda :
    Cosa è costato questo esperimento a Hera , alla Regione , e di conseguenza hai contribuenti di cui i cittadini di Spilamberto fanno parte ???????????

    Rispondi
  • 2. Ambiente | #cambiamoilfuturo | SpilUmberto  |  29 aprile, 2014 alle 6:20 pm

    […] mie campagne contro il consumo di suolo e contro la raccolta rifiuti fatta con calotte e tessere, la mia richiesta di non chiudere a un mese dalle elezioni gli accordi coi cavatori e l’impegno […]

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Un sindaco vorrebbe poter accompagnare sempre e comunque i propri cittadini nei loro desiderata, ma ci sono volte in cui certe strade anche se sembrano le più facili non si possono prendere ed è necessario fermarsi, spiegare e accompagnare anche verso soluzioni più complesse. 
Questo è quello che ho cercato di fare domenica.

Grazie a quanti sono venuti a confrontarsi di persona e non sono rimasti a casa a offendere dietro a una tastiera, grazie alla comunità di San Vito grazie alla Polisportiva San Vito per la fiducia. La strada continua, insieme. 
Qui qualche approfondimento:
--> https://goo.gl/B5oZxu Incendio in vicolo de André: le persone coinvolte stanno bene, quattro sono ricoverate in ospedale,  ma non in gravi condizioni. Le altre famiglie del condominio stanno rientrando ora.
Ringrazio i nostri tecnici, Tubolino, Roli e Simonini la PM, i Carabinieri, VVFF e vicesindaco che sono subito intervenuti. Tre anni fa oggi mi avete scelto come sindaco. Tre anni fa oggi è partita una grande avventura. Poter guidare ed essere custode di una comunità generosa che oggi si trova sul corso per aiutare fratelli terremotati è davvero un grande privilegio. Grazie! #zainoinspalla #Spilamberto Imparare e mettersi in cammino. In una Milano stupenda, una splendida giornata tra #scuolapd e #20maggiosenzamuri Il 17 maggio è la giornata contro l'omofobia, la bifobia e transfobia insomma, la giornata dove si dice chiaramente che il problema è negli occhi di chi discrimina, non di chi ama. Quest'anno sono felice di poter ricordare questa data con questa foto scattata al pride di Bologna il giugno scorso. Andai in rappresentanza di Spilamberto col sostegno del consiglio comunale (cinque stelle astenuti). Credo che anche così Spilamberto stia facendo il suo pezzetto di strada verso l'art.3 della nostra costituzione: una comunità felice perché esisti così che tu possa dare il meglio di te.