La ghiaia non cresce sugli alberi

18 gennaio, 2014 at 11:19 pm 4 commenti

fabbrica programma cave

La FABBRICA del programma, tavolo l’uomo, il fiume e le cave

Lunedì in consiglio comunale porterò una mozione (vedi) in cui chiedo che l’attuale giunta torni sui suoi passi  riguardo al prendere accordi sullo scavare nuove cave a due mesi dal cambio di sindaco. Questione di stile? Vediamo.

Il polo estrattivo delle cave, le più vecchie a destra, le nuove saranno più a sud

Il polo estrattivo 8 in bianco le cave attuali, in rosso quelle previste

Come nasce una nuova cava di ghiaia a Spilamberto.

  1. la provincia costruisce un piano secondo il quale bisogna scavare un tot di ghiaia in tutto il territorio provinciale questo piano si chiama PAE.
  2. Ciascun comune si accolla un pezzetto di questo totale con una votazione in consiglio. Il comune di Spilamberto l’ha fatto con il vecchio consiglio comunale (in carica dal 2004 al 2009) nel marzo 2009 dove ha deciso di scavare un altro milione di metri cubi. (vedi)
  3. Successivamente, sempre tramite votazione in consiglio, vengono definite le aree su cui è possibile o non è possibile scavare se in futuro si deciderà di scavare.  Consiglio comunale del 2011 polo 8 e ambito estrattivo ponte guerro (vedi). Una volta decise queste cose, la palla passa alla giunta.
  4. La giunta approva una delibera in cui vengono definite le modalità di partecipazione delle aziende di cavatori alle gare per gli scavi, e le modalità di recupero delle zone scavate. La giunta l’ha fatto il 10/12/2013.
  5. Si sa, una cava non è un bel vedere e nemmeno un toccasana per il territorio, crea problemi paesaggistici e ambientali. Infatti, malgrado interventi di ripristino, resta sempre un cosiddetto “danno ambientale” non recuperabile che viene risarcito al comune mediante denaro o opere pubbliche. Quanto denaro? Quante e quali opere pubbliche? Questo lo decide la giunta che, dopo aver approvato la delibera in cui vengono definite le modalità di partecipazione delle aziende di cavatori alle gare per gli scavi, e le modalità di recupero delle zone scavate, avvia una trattativa coi privati coinvolti arrivando infine a stipulare con essi degli accordi in cui il comune dà questi permessi in cambio di qualcosa. Questi sono i cosiddetti accordi attuativi del piano di escavazione provinciale.
  6. Siglati dalla giunta gli accordi attuativi, si iniziare a scavare.

Cosa? Siglati dalla giunta gli accordi attuativi, si iniziare a scavare? Fermi un attimo, facciamo un passo indietro a Spilamberto abbiamo appena finito il punto 4 e siamo al 5: parliamo di questi accordi coi privati e le aziende.

Nella commissione del 10/12/2013 (sì, la sera del mio compleanno, o meglio la sera in cui si è approvata la delibera di indirizzo in giunta) il sindaco ha spiegato come procederà nella realizzazione delle prossime escavazioni. Il suo crono programma prevede che si arrivi alla stipula di tali accordi più o meno nel mese di marzo 2014, più probabilmente aprile 2014.Appena l’ha detto non ci ho pensato, poi le rotelle hanno iniziato a girare e mi son chiesto se fosse normale e giusto approvare un piano così impegnativo a due o forse addirittura un mese dal termine del mandato elettorale.

In fondo stiamo parlando di un milione di metri cubi di ghiaia, circa 15 (sì, quindici) campi da calcio scavati per 10 metri e centinai e di migliaia di euro di opere di compensazione, no?

Ho chiesto al geologo comunale presente in commissione se vi erano degli obblighi normativi per fare il tutto entro pochi mesi oppure no. La risposta? No, nessun obbligo, si può procrastinare senza problemi e decidere con la giunta nuova.

Al che ho chiesto al sindaco attuale e alla giunta attuale visto che a parte Sara erano tutti presenti, di ripensarci e lasciare che fossero il prossimo sindaco e la prossima giunta a decidere sul tema. Risposta: No.

PAE Spilamberto: Tavola di Progetto

PAE Spilamberto: Tavola di Progetto con allargamento area cave a sud

Sapete che mi sono candidato a sindaco.  Ecco, se le cose andranno bene i prossimi anni non vorrei trovarmi a dover dire ogni volta davanti all’ennesimo camion di ghiaia e magari una rotonda superflua costruita come compensazione “eh, scusate ma io non c’entro, è responsabilità della giunta precedente”, se lo faremo vorrò poter dire “sì, l’abbiamo deciso noi, la responsabilità è nostra e l’abbiamo fatto per questo questo e quest’altro motivo”.

Chiedo che sia data la possibilità di sedersi ai tavoli di trattativa non a un sindaco con una manciata di mesi davanti ancora di amministrazione, ma ad un sindaco entrante che si possa assumere completamente le sue responsabilità.

Possibile che a pensarla così sia solo io? Spero di no, anche perché altrimenti avremmo un bel da dire “salvaguardiamo il territorio e la campagna” nei programmi elettorali limando sul fare una casa in più in campagna o una casa in meno quando ci facciamo volare sulla testa aerei grandi quindici campi da calcio.

Lunedì vedremo, anche perché fino a prova contraria si sa, la ghiaia non cresce sugli alberi e se alle prossime primarie ed elezioni vincerà la nostra proposta anche su questo si cambia musica, davvero.

Annunci

Entry filed under: Senza Categoria. Tags: , , , , .

La FABBRICA del programma A Spilamberto cambiamo il futuro | 2 febbraio presentazione del programma

4 commenti Add your own

  • 1. Ambiente | #cambiamoilfuturo | SpilUmberto  |  29 aprile, 2014 alle 6:20 pm

    […] rifiuti fatta con calotte e tessere, la mia richiesta di non chiudere a un mese dalle elezioni gli accordi coi cavatori e l’impegno che abbiamo preso di smettere di dare nuove concessioni per escavazioni mi sono […]

    Rispondi
  • 2. ingyen kávégép  |  7 maggio, 2014 alle 1:38 pm

    ingyen kávégép

    La ghiaia non cresce sugli alberi | SpilUmberto

    Rispondi
  • 3. BetegséG  |  24 maggio, 2014 alle 5:37 am

    BetegséG

    La ghiaia non cresce sugli alberi | SpilUmberto

    Rispondi
  • 4. industrial buyers  |  9 giugno, 2014 alle 1:21 am

    industrial buyers

    La ghiaia non cresce sugli alberi | SpilUmberto

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Questa mattina la presentazione alla Camera del Festival della Migrazione. Insieme a Migrantes Caritas, Porta Aperta, Università di Modena, terzo settore ed enti locali la prossima settimana daremo vita ad una tre giorni modenesi di approfondimento per andare oltre i facili luoghi comuni. 
Come Comune di Spilamberto insieme a Maranello, Formigine, Modena e Regione abbiamo scelto di sostenere il Festival perché siamo quelli che stanno in mezzo tra la gestione del fenomeno migratorio e l'opinione pubblica. 
Come Umberto, nipote di una profuga somala, non mi sentirei di fare altrimenti. 
Forse non porta voti, ma porta senso. 
Vi aspettiamo! 
Qui il programma: http://www.festivalmigrazione.world/

#politica #migrazione #migranti #viaggio #diritti
#montecitorio #cameradeideputati #parlamento Di bicicletta, sudore e colline.
#mtb #sunshine #igersmodena #igersemilia #trecroci #castelvetrodimodena #marano #terredicastelli Questa mattina a Spilamberto, davanti alla chiesa di Sant' Adriano, si raccolgono le firme per mandare al parlamento questa proposta di legge sull'immigrazione in modo da superare la Bossi-Fini.
--> http://www.radicali.it/campagne/immigrazione/

Una dimostrazione di civiltà! Per favore diffondete e firmate. È molto bello potersi confrontare con persone del genere. #workinprogress
#direzionepd Bellezza, avventura e libertà. Sì, sono soddisfatto, molto.
Spero siate stati bene e vi sia piaciuto. Grazie a tutte le persone che rimboccandosi le maniche l'hanno reso possibile. Da chi ha suonato con la banda per tre giorni con tanto di processione agli uffici e il museo del balsamico, da chi ha fritto ininterrottamente o mescolato mosto per due giorni a chi si è occupato della sicurezza, da chi ci ha fatto sognare coi racconti per bambini e curato vere e proprie opere d'arte, da chi ha pedalato per la prima volta nella sua vita con coraggio e determinazione 40km in mtb per le nostre belle terre a chi ci ha accompagnato e quel percorso l'ha preparato: tutti!
Avete proprio fatto del vostro meglio. Vedervi così mi rende davvero orgoglioso e mi carica di entusiamo.
Ora collasso a letto, buonanotte cara Spilla! #mastcot #passalaparola #acetobalsamicotradizionaledimodena #Spilamberto #grazie