La FABBRICA del programma | La bellezza

28 novembre, 2013 at 3:50 pm 3 commenti

“La bellezza salverà il mondo”
Fëdor Dostoevskij, L’idiota

Innanzitutto un grande grazie, a chi è venuto, a chi ci ha pensato e a chi ha contribuito anche a distanza.

Ieri sera è accaduta una cosa straordinaria, per la prima volta a Spilamberto in un centro giovani – ex macello gremito, più di sessanta persone di ogni età si sono ritrovate intorno a tavoli tematici per discutere e proporre, con l’aiuto di esperti del settore, idee innovative per liberare le energie del nostro paese mettendosi in gioco da protagonisti. Il tema “La Bellezza”.

Di ogni età, mettendoci in gioco da protagonisti

Ad aprire la serata dopo una mia semplice introduzione e spiegazione delle regole, un endorsement d’eccezione, un video del nostro neo concittadino: lo chef Massimo Bottura che ci ha spronato a dar valore alla provincia, innamorarci del luogo in cui viviamo, di quello che abbiamo e siamo, passarvi attraverso e sognare ricostruendo un vero e proprio orgoglio civico.

Special guest della serata è stata Maria Andreucci del blog “italian cooking adventures ha condiviso la sua storia, di come dopo un soggiorno per studio a Londra abbia capito che davvero quello che abbiamo in Italia è un patrimonio enogastronomico che tutto il mondo ci invidia, ma che noi per primi dobbiamo valorizzare con ingegno, intraprendenza e creatività. Lei lo ha fatto aprendo un blog in cui racconta l’Italia attraverso la lente del cibo, ora è il più seguito dagli inglesi e, manco a dirlo, uno dei post più cliccati è quello del caseificio Cà Denina di Cesare Grazia a Spilamberto.

A_DSC_0090

Tanti gli spilambertesi che hanno condiviso le loro storie, esperienze ed idee per dar nuovamente vita alla terra che amiamo: da un progetto vero, d’unione e in rete con il comune di Modena, sul marketing territoriale, a una maggior apertura della biblioteca oggi, a causa di orari insufficienti, poco utilizzata dagli studenti. Da una Rocca dal portone principale spalancato, finalmente aperta agli spilambertesi e ad attività di formazione anche internazionale a un parco che non sia più un giardino segreto pieno di divieti, ma possa diventare finalmente fruibile e vissuto.

Infine una messa in rete dei tanti appartamenti sfitti collocati in centro storico al fine di trasformarli in un albergo diffuso. Guidati da Elisabetta Gilioli di vacanzattiva.it infatti ci siamo accorti di come ad un richiamo turistico si debba rispondere anche con un’offerta di accoglienza e in questo si inserisce l’idea emersa nella serata. A Spilamberto ci sono diversi appartamenti sfitti in centro storico, quello a cui pensiamo è una messa in rete di questi e, attraverso un coordinamento tra proprietari sostenuto dal comune, una loro valorizzazione in chiave di accoglienza turistica al fine di generare reddito nel territorio e sconfiggere il degrado beneficio di tutta la comunità attraverso una ristrutturazione e rivitalizzazione degli stessi.

A_DSC_0080

Gli spunti emersi sono molti, e a tal proposito ringrazio tutti coloro che hanno collaborato e hanno condiviso le loro competenze col gruppo (grazie anche agli “stranieri” di vivisostenibile!), nei prossimi giorni verranno rielaborati pubblicati sul blog spilumberto.com e strutturati per diventare non l’ennesima promessa elettorale, ma veri e propri punti programmatici concretizzabili se gli spilambertesi ci daranno fiducia.

In questi giorni sto incontrando molte persone di diverse età, anche anziani, mi raccontano della Spilamberto di ieri e di come la Spilamberto di oggi assomigli sempre più, anno dopo anno, a un fuoco un tempo vivo, oggi spento: sopra ci sono le ceneri, sotto delle braci ancora fortunatamente calde. Ecco, non ci possiamo permettere di lasciare tutto com’è senza cambiar nulla altrimenti anche quelle braci si raffredderanno. Dobbiamo soffiare su quelle braci, accostare legna e riaccendere la fiamma. Ieri abbiamo iniziato a farlo, abbiamo visto ravvivarsi i tizzoni e ricomparire una piccola fiamma, continueremo con il prossimo incontro della fabbrica, l’11 dicembre alla Rinascita di San Vito, il tema sarà “il lavoro: il miglior modo per difenderlo è crearlo”.

Davvero un grande grazie a chi ci sta aiutando e a chi sta intraprendendo questo cammino per lasciare Spilamberto un po’ migliore di come l’abbiamo trovata, insieme.

AA_DSC_0148

firma umbi ok

Annunci

Entry filed under: Senza Categoria.

La FABBRICA del programma La FABBRICA del programma | Il lavoro

3 commenti Add your own

  • 1. silvia  |  29 novembre, 2013 alle 2:26 pm

    Complimenti , la serata non poteva che iniziare bene ! Visto la bellissima cartolina e …il Costantini in giro per il paese a distribuirle!!! Buon lavoro

    Rispondi
    • 2. Umberto  |  24 dicembre, 2013 alle 3:43 am

      Grazie Silvia a breve saranno on line i report. Intanto auguri di buon Natale!

      Rispondi
  • 3. La FABBRICA del programma | Il lavoro | SpilUmberto  |  5 dicembre, 2013 alle 12:01 pm

    […] continua l’avventura della FABBRICA del programma. Dopo il primo incontro sulla bellezza (clicca qui per vedere com’è andata), il prossimo appuntamento sarà: IL LAVORO Il miglior modo per difenderlo è crearlo Mercoledì […]

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Iniziano gli eventi legati alla commemorazione del 25 Aprile. Ricordiamo una Spilamberto fatta di uomini e donne coraggiose che nella loggia di una casa colonica a San Vito, in un'ansa del Guerro, in via Santa Liberata, alla Corticella o sulla carreggiata di campagna in una calda sera in via Castellaro, risposero ad una legge più alta di quella in vigore allora. Mandrioli, Cavallotti, Franchini, Bianchini, Bonetti, Calanchi, Malagoli, Castagnini, Giugni e tanti altri. Perché non importa quanti anno hai e non in importa in che anni vivi: quando la Storia bussa, a te spetta la scelta. #resistenza #liberazione
Vinitaly mode on! Portando alta la bandiera delle nostre uve e dei nostri vini! Complimenti ai nostri produttori! 👍🏽🍷🍾🌳🍁#lambrusco #pignoletto #wine #vinitaly
E poi oggi pomeriggio siamo andati a camminare con il @fai per ritrovare le tracce di scavi archeologici che ci hanno riportato a 4000 anni fa (e a conoscere dei bellissimi vitellini dell'azienda agricola La Bontà).
Oggi a Spilamberto va così. Prenditi qualche minuto, chiama qualcuno a cui vuoi bene e vatti a sdraiare là in mezzo con lui o con lei. Quei "piscialetto" e quelle margherite sono lì per voi. 🌼
Oggi abbiamo incontrato Enrico. Coraggioso testimone che partendo dal suo passato ci può aiutare ad aprire gli occhi sul nostro presente e mettere in guardia sul nostro futuro a nord e sud del Mediterraneo. Grazie al comitato genitori e alla scuola per la bella iniziativa fondamentale per i nostri ragazzi.
Per chi non mi ha visto a Roma o altrove ecco, oggi il mio compito era essere qua. Ho pedalato giù dai sassi in fretta e ci sono arrivato in tempo. "In fuga dalla Siria" davvero bello. Anche se adesso non serve a nessuno guadagnare voti gridando al migrante ve la consiglio perché le elezioni passano, i drammi no. Fa pensare. Molto. #refugees Un grande grazie agli organizzatori, sono felice che anche lì ci sia tanta Spilamberto.