Donar sangue a Spilamberto: AVIS

18 novembre, 2013 at 7:13 pm 1 commento

dóno s. m. [lat. dōnum] (pl. dóni, ant. le dónora)
ciò che si da altrui volontariamente senza esigerne prezzo o ricompensa o restituzione

 

 

Sabato pomeriggio sono stato al Panarock, il centro giovani di Spilamberto.
Da qualche settimana l’AVIS locale sta intraprendendo un percorso per far rete con le altre associazioni del territorio. Hanno fatto un’analisi delle condizioni dell’associazione e con molta oggettività hanno preso atto del fatto che ho ci si rinnova e si fa rete, o si va poco lontano. A tal proposito questo mi è parso essere un primo ottimo appuntamento.
Al Panarock, abbiamo parlato di Dono, Sangue  e di donare il sangue con ragazzi che altrimenti certi temi li vedrebbero col binocolo. Forse.
All’apparenza possono sembrare tre cose pressoché identiche, ma non lo sono.

Dono – L’importanza del riuscire  a donare in un società che monetizza tutto. Ricordandosi che non si può donare qualcosa che non ci piace. (e in questo in testa mi lampeggio quest’altro DONO)

Sangue – Ciò che ci dà vista, la propria identità le nostre radici.

Donare  sangue – donare un pezzo di sé.

un momento del pomeriggio di sabato

Un momento del pomeriggio di sabato, al centro il presidente Paolo Serri

E’ stato molto interessante, per alcuni ragazzi penso fosse la prima volta  che avevano a che fare con un medico a cui porre domande in merito a ripercussioni sulla propria salute dell’uso di droghe, eccesso di farmaci, o malattie sessualmente trasmissibili.

Chissà, magari a breve tra loro non ci sarà nessun nuovo donatore, ma credo che in questo AVIS abbia fatto qualcosa di profondamente coerente con se e lungimirante conscio del fatto che se non vi è ricambio anche le associazioni muoiono Dobbiamo educare ad uno stile di vita sano che ti renda poi pronto a donarti agli altri. Giacomo a tal proposito ci ha portato la sua esperienza di cooperante internazionale e volontario dei centri estivi di Overseas, chissà che i ragazzi iniziando con l’aiutare qualcuno di fianco a loro piano piano non inizieranno a donare sempre di più.

Mi complimento con l’associazione e mi auguro che questo possa essere il primo appuntamento di vari, mi auguro che i volontari AVIS uscendo dalla sede vadano a testimoniare i propri valori anche presso le sedi di altri. Dalla banda al calcio passando per gli scout. Non è solo questione di sangue, è questione di intrecciare una comunità senza far distinzioni di età,etnia, genere, orientamento sessuale o opinione politica, tornando a un nucleo di solidarietà vero che ci unisce.

Sono speranzoso, la bellezza ci salverà.

Annunci

Entry filed under: Senza Categoria.

Respirerò liberamente. Saper mediare

1 commento Add your own

  • 1. https://www.facebook.com/australiastudysquare  |  4 gennaio, 2014 alle 1:08 pm

    Any person actually assist to create significantly articles I’d state. Be the very first time that We went to internet web site and for that reason way? I pleasantly surprised with all the analysis you made to make this particular post incredible. Superb career!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Venerdì sera con Giuseppe 
#project #workinprogress #workhardplayhard #beatagioventù Esci di corsa per prendere il tram e... sbam! Sbatti contro la storia. 
Era nato cent'anni prima di me. "QUI ABITAVA ANTONIO ATZORI, NATO 1887, ARRESTATO COME POLITICO, 4.1.1944, DEPORTATO, KZ MATHAUSEN, MORTO, 15.2.1945"

#arrestatocomepolitico #antifascismo
#1887 #1987 #87 La nostra ambizione è fondare gli Stati Uniti d'Europa, la bella notizia è che Emma Bonino è con noi. #direzionepd @partitodemocratico @piueuropa “Ogni pensiero può cambiare il destino,
persino un bambino sa farlo,
basta avere un sogno,
e poi stringerlo in pugno,
vedrai si avvererà.” "Mamma, papà, mi sono innamorato: si chiama Giuseppe!" Ecco precisamente otto anni fa in casa con queste parole facevo il coming out più difficile. Prima mia madre poi, una volta salite quelle scale, mio padre. Lo ammetto, mi aspettavo un abbraccio, un invito a cena o qualcosa del genere, e invece mi schiantai a tutta velocità contro un "ci hai deluso", un "sarebbe stato meglio un tumore" e altre esternazioni che col tempo ho rimosso. Fortunatamente le cose da allora stanno migliorando. Siamo cresciuti, tutti. Se oggi sono qui raccontarlo lo devo ad alcune convinzioni e persone. La prima Is.43 "tu sei prezioso ai miei occhi", la seconda mia sorella presente da sempre, a ruota mio cognato e davvero tanti altri amici e parenti che si sono resi strumenti d'amore e non di sofferenza. A loro il mio grazie. Sono felice perché oggi (finalmente) ci siamo messi d'accordo per una pizzata insieme: è un evento. Mamma e papà, ci sono voluti otto anni, ma finalmente ci siamo, insieme. Grazie.
Spero che queste poche parole possano essere d'aiuto a quelle ragazze e quei ragazzi che oggi soffrono per colpa di pregiudizi inculcati nella testa dei loro genitori da una educazione disumana disumanizzante e che le stesse parole possano aiutare quelle madri e quei padri che soffrono perché "mal-educati" per questo ancora incapaci di abbandonare aspettative, preconcetti e falsi dogmi per abbracciare pienamente l'amore dei propri figli amandoli così come sono felici perché semplicemente esistono. 
Un grazie particolare a Max Gazzè, quel giorno per tutto il giorno ascoltai una sua canzone "splendere ogni giorno il sole". Wow! Anno intenso, di grazia e chissà il prossimo. Grazie! #bestnine2017 #2017 "Al pascolo si sedeva per terra e le controllava dall'alto, intagliando un legnetto con il coltello a serramanico.
- Non puoi star lí, - mi disse, l'unica volta che mi parlò.
- Perché? - chiesi.
- Pesti l'erba.
- E dov'è che posso stare?
- Di là.
Indicò l'altra sponda del torrente." Paolo Cognetti, Le otto montagne.
#montagna #monterosa #cognetti #einaudi
grazie agli scout la possibilità di veder chiari certi luoghi impressi nel cuore.

@puntoeinaudimilano