Rifiuti a Spilamberto, perché non ridurli?

3 settembre, 2013 at 4:23 pm 1 commento

Prima versione

do ut des
loc. lat.; in it. loc. sost. m. inv.
“Favore che viene fatto sperando o pretendendo un contraccambio”

 

Francesco (vedi) giustamente fa notare che a Spilamberto negli ultimi anni c’è stata una diminuzione dei rifiuti pro capite.

Ottimo, ne sono davvero felice.

Produzione di Rifiuti Urbani e particolare RD pro capite a Spilamberto 2010-2012

Produzione di Rifiuti Urbani e particolare RD pro capite a Spilamberto 2010-2012 (fonte Provincia di Modena)

Poi però vieni a sapere dell’insaziabile inceneritore di Modena che per essere alimentato ha ottenuto dalla provincia il permesso di bruciare anche rifiuti provenienti da fuori regione (vedi).

Quindi a fronte di una diminuzione dei rifiuti pro capite prodotti e un aumento della differenziata continueremo a bruciare lo stesso grandi quantità di rifiuti integrando i nostri con quelli che non produciamo noi? Sì.

Mi chiedo allora, se i vantaggi non si vedono nell’aria che respiriamo e nemmeno nella bolletta che paghiamo, che fine fa il nostro impegno nell’essere virtuosi?

E allora anche io mio arrabbio assieme a quanti hanno manifestato Domenica in piazza a Modena (vedi)  e mi chiedo perché continuare a bruciare tanti rifiuti ed inaugurare inceneritori (vedi Parma)

Seconda Versione

what the f**k!?!
Eng slang, vulgar (expressing incomprehension)
“ma che acciderbolina succede?”

 

Francesco giustamente fa notare che a Spilamberto negli ultimi anni .. ehi ehi ehi, fermi un attimo! Per fare il grafico qui sopra con cognizione di causa sono andato a vedere i dati storici dei vari report della provincia. Andando un po’ più indietro nel tempo, e concentrandomi solo sul dato della produzione di rifiuti differenziati e indifferenziati pro capite, quello che vien fuori è questo!

Produzione di Rifiuti Urbani pro capite a Spilamberto 2003-2012

Produzione di Rifiuti Urbani pro capite a Spilamberto 2003-2012: andamento chiaro, no?

Ora mi chiedo: c’è correlazione tra sperimentazioni di cassonetti, diminuzione di cassonetti, spostamento di cassonetti e diminuzione del totale dei rifiuti?

Ecco a giudicare dal grafico No.

Dall’andamento irregolare e tendenzialmente crescente della quantità di rifiuti prodotta ne deduco che una politica di riduzione vera a propria non si sia ancora fatta e che magari l’abbassamento registrato nel 2012 possa derivare più dalla diminuzione dei consumi causa crisi che non da un impeto ecologista.

La mia impressione è che in questi anni ci siamo concentrati di più sul valore della raccolta differenziata (sacrosanta e in crescita) trascurando l’abbattimento della produzione dei rifiuti, di tutti i rifiuti (altrettanto sacrosanto).

Detto questo, cosa può fare un consigliere?

Ci sono diverse buone pratiche che un’amministrazione può incentivare al fine di produrre meno rifiuti e mettere in campo per prima nei servizi che eroga (vedi le 10 pratiche di Legambiente!) , ma in particolare c’è un meccanismo a monte che, facendo massa critica, le amministrazioni comunali oggi potrebbero cambiare e si tratta dell’accordo tra i comuni e il CONAI,  il consorzio nazionale imballaggi, che a breve verrà ridefinito e potrà diminuire la produzione di imballaggi alla fonte e incentivi per i comuni più virtuosi.

Gli imballaggi costituiscono il 35-40% in peso e il 55-60 % in volume della spazzatura che si produce ogni anno in Italia. Per ogni imballaggio prodotto e immesso nel mercato, il produttore versa ai consorzi un contributo denominato CAC (Contributo Ambientale Conai) che dovrebbe essere trasferito ai comuni quando l’imballaggio, passando per la raccolta differenziata, viene riconsegnato ai consorzi. Sono cifre importanti, che dovrebbero essere destinate a coprire i costi di raccolta e, se ben utilizzate, contribuire concretamente a diminuire la bolletta dei cittadini.

A tal proposito, dall’ “Associazione dei Comuni Virtuosi” è partita a livello nazionale una campagna a favore di una revisione dell’accordo a favore dei comuni più virtuosi.
Mi piacerebbe che anche il nostro comune e l’intera Unione Terre di Castelli aderissero, come già hanno fatto altri comuni, al progetto “ACCORDO ANCI/CONAI – Riscriviamolo insieme da protagonisti !

Per questo ho depositato le seguenti delibere sia in Comune che in Unione: Rifiuti: riduciamoli alla fonte! Verso la revisione dell’accordo ANCI/CONAI

In estrema sintesi un kilo di imballaggio non creato è un kilo di rifiuto risparmiato: rifiuti, riduciamoli alla fonte e premiamo i migliori.
Un po’ di meritocrazia anche in campo ambientale infondo che male può fare?

Annunci

Entry filed under: Senza Categoria. Tags: , , .

La vostra, non la mia, nemesi: basta. Cassonetti con tessere e calotte: arrivederci amore ciao.

1 commento Add your own

  • 1. nadia  |  4 settembre, 2013 alle 6:48 pm

    Bravo !!! le tue deduzioni sono incontestabili.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Venerdì sera con Giuseppe 
#project #workinprogress #workhardplayhard #beatagioventù Esci di corsa per prendere il tram e... sbam! Sbatti contro la storia. 
Era nato cent'anni prima di me. "QUI ABITAVA ANTONIO ATZORI, NATO 1887, ARRESTATO COME POLITICO, 4.1.1944, DEPORTATO, KZ MATHAUSEN, MORTO, 15.2.1945"

#arrestatocomepolitico #antifascismo
#1887 #1987 #87 La nostra ambizione è fondare gli Stati Uniti d'Europa, la bella notizia è che Emma Bonino è con noi. #direzionepd @partitodemocratico @piueuropa “Ogni pensiero può cambiare il destino,
persino un bambino sa farlo,
basta avere un sogno,
e poi stringerlo in pugno,
vedrai si avvererà.” "Mamma, papà, mi sono innamorato: si chiama Giuseppe!" Ecco precisamente otto anni fa in casa con queste parole facevo il coming out più difficile. Prima mia madre poi, una volta salite quelle scale, mio padre. Lo ammetto, mi aspettavo un abbraccio, un invito a cena o qualcosa del genere, e invece mi schiantai a tutta velocità contro un "ci hai deluso", un "sarebbe stato meglio un tumore" e altre esternazioni che col tempo ho rimosso. Fortunatamente le cose da allora stanno migliorando. Siamo cresciuti, tutti. Se oggi sono qui raccontarlo lo devo ad alcune convinzioni e persone. La prima Is.43 "tu sei prezioso ai miei occhi", la seconda mia sorella presente da sempre, a ruota mio cognato e davvero tanti altri amici e parenti che si sono resi strumenti d'amore e non di sofferenza. A loro il mio grazie. Sono felice perché oggi (finalmente) ci siamo messi d'accordo per una pizzata insieme: è un evento. Mamma e papà, ci sono voluti otto anni, ma finalmente ci siamo, insieme. Grazie.
Spero che queste poche parole possano essere d'aiuto a quelle ragazze e quei ragazzi che oggi soffrono per colpa di pregiudizi inculcati nella testa dei loro genitori da una educazione disumana disumanizzante e che le stesse parole possano aiutare quelle madri e quei padri che soffrono perché "mal-educati" per questo ancora incapaci di abbandonare aspettative, preconcetti e falsi dogmi per abbracciare pienamente l'amore dei propri figli amandoli così come sono felici perché semplicemente esistono. 
Un grazie particolare a Max Gazzè, quel giorno per tutto il giorno ascoltai una sua canzone "splendere ogni giorno il sole". Wow! Anno intenso, di grazia e chissà il prossimo. Grazie! #bestnine2017 #2017 "Al pascolo si sedeva per terra e le controllava dall'alto, intagliando un legnetto con il coltello a serramanico.
- Non puoi star lí, - mi disse, l'unica volta che mi parlò.
- Perché? - chiesi.
- Pesti l'erba.
- E dov'è che posso stare?
- Di là.
Indicò l'altra sponda del torrente." Paolo Cognetti, Le otto montagne.
#montagna #monterosa #cognetti #einaudi
grazie agli scout la possibilità di veder chiari certi luoghi impressi nel cuore.

@puntoeinaudimilano