Spilamberto e il servizio mensa: cosa cambierà?

9 luglio, 2013 at 5:46 pm 2 commenti

Dal prossimo anno scolastico il servizio della mensa scolastica subirà delle modifiche. Siccome l’ho imparato dai giornali prima che dalle sedi preposte, e su questi non vi erano le motivazioni alla base di tali scelte, durante l’ultimo consiglio dell’unione ho fatto un’interrogazione:

dal libro “La scuola di Spilamberto  in 50 anni di fotografie e racconti”

dal libro “La scuola di Spilamberto in 50 anni”

Alla presidente del consiglio dell’Unione Terre di Castelli
Alla Presidente dell’Unione Terre di Castelli

 

 

 

In merito all’apertura in data 21/05/2013 della procedura PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DEI NIDI D’INFANZIA, DELLE SCUOLE D’INFANZIA E DELLE SCUOLE PRIMARIE DELL’UNIONE TERRE DI CASTELLI chiedo alla giunta:


1. quali modifiche si avranno sul territorio dell’unione?

 

2. è possibile vedere l’analisi dei costi e benefici che ha dato origine alla necessità di affidamento del servizio?


3. le linee guida del bando sono state presentate e discusse nella commissione consiliare predisposta, nei consigli comunali e nei territori coinvolti?
 

Umberto Costantini

Qui la risposta con tutti i dati richiesti: Risposta Lamandini.
Alla luce di questo, la critica che faccio non è “sarebbe meglio che ogni plesso si cucinasse il proprio pasto”, ogni tanto vado a mangiare in mensa e continuerò ad andarci anche con la prossima gestione (è la legge del contrappasso, da piccolo la evitavo, come consigliere per dovere civico, la devo testare), in più ho esperienza di altri plessi dell’unione in cui addirittura le critiche sono minori di quelle che arrivano a Spilamberto pur avendo il servizio completamente esternalizzato, piuttosto la mia è una richiesta di maggior coinvolgimento degli organi di rappresentanza dei cittadini, consiglio comunale e consiglio d’istituto nella formulazione della linea politica di cui poi il bando è tecnica traduzione.

E’ questione di stile.

Mi rimane ancora una domanda da fare: che ne sarà della strumentazione e della cucina presente nella scuola di Spilamberto?
Credo che quello spazio possa essere una risorsa per la comunità, se vi rimarranno le strumentazioni ci vedo laboratori di cucina (cosa pressoché impossibile da realizzare in precedenza per questioni sanitarie legate al fatto che la cucina era utilizzata per cuocere la pasta per gli studenti) iniziative di educazione alimentare e chissà magari qualcosa di ancor migliore e socialmente utile che potrà emergere da un confronto con la cittadinanza.

Annunci

Entry filed under: Senza Categoria.

#loveislove, il diritto di amare. Potere ai cittadini nella decisione sulla fusione di comuni? Un seminario bolognese

2 commenti Add your own

  • 1. La cucina della comunità | SpilUmberto  |  16 luglio, 2013 alle 5:01 pm

    […] aver ricevuto la risposta sul tema mensa dall’unione Terre di Castelli (qui), parlandone con alcuni genitori ed insegnanti abbiamo ho avanzato alcune proposte sul riutilizzo […]

    Rispondi
  • 2. felix  |  17 luglio, 2013 alle 12:22 am

    You will find definitely several of these, ladies and men downside to through the help of approach is you may still must waste quality rate, as well as the class could be significantly more minimal considering that the arms are likely to be attached in connection with the dealership buys they have because of the vendors. The tactic to particular some of item flawlessness is almost always to eliminate sights and be known as satisfied with similar resources and also materials in connection with Chanel equipment instead of.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Iniziano gli eventi legati alla commemorazione del 25 Aprile. Ricordiamo una Spilamberto fatta di uomini e donne coraggiose che nella loggia di una casa colonica a San Vito, in un'ansa del Guerro, in via Santa Liberata, alla Corticella o sulla carreggiata di campagna in una calda sera in via Castellaro, risposero ad una legge più alta di quella in vigore allora. Mandrioli, Cavallotti, Franchini, Bianchini, Bonetti, Calanchi, Malagoli, Castagnini, Giugni e tanti altri. Perché non importa quanti anno hai e non in importa in che anni vivi: quando la Storia bussa, a te spetta la scelta. #resistenza #liberazione
Vinitaly mode on! Portando alta la bandiera delle nostre uve e dei nostri vini! Complimenti ai nostri produttori! 👍🏽🍷🍾🌳🍁#lambrusco #pignoletto #wine #vinitaly
E poi oggi pomeriggio siamo andati a camminare con il @fai per ritrovare le tracce di scavi archeologici che ci hanno riportato a 4000 anni fa (e a conoscere dei bellissimi vitellini dell'azienda agricola La Bontà).
Oggi a Spilamberto va così. Prenditi qualche minuto, chiama qualcuno a cui vuoi bene e vatti a sdraiare là in mezzo con lui o con lei. Quei "piscialetto" e quelle margherite sono lì per voi. 🌼
Oggi abbiamo incontrato Enrico. Coraggioso testimone che partendo dal suo passato ci può aiutare ad aprire gli occhi sul nostro presente e mettere in guardia sul nostro futuro a nord e sud del Mediterraneo. Grazie al comitato genitori e alla scuola per la bella iniziativa fondamentale per i nostri ragazzi.
Per chi non mi ha visto a Roma o altrove ecco, oggi il mio compito era essere qua. Ho pedalato giù dai sassi in fretta e ci sono arrivato in tempo. "In fuga dalla Siria" davvero bello. Anche se adesso non serve a nessuno guadagnare voti gridando al migrante ve la consiglio perché le elezioni passano, i drammi no. Fa pensare. Molto. #refugees Un grande grazie agli organizzatori, sono felice che anche lì ci sia tanta Spilamberto.