#loveislove, il diritto di amare.

27 giugno, 2013 at 12:00 pm Lascia un commento

In the name of love 
What more in the name of love 

Se due anni fa, in una mattina di maggio foste stati a Bologna nella facoltà di Scienze Politiche, avreste potuto vedere un consigliere comunale fare avanti  e indietro per il cortile di Palazzo Hercolani parlando animatamente al telefono. Il tema del contendere?
Questo:

Spilamberto paese civile

Spilamberto paese civile

Infatti sulla scrivania del sindaco  erano appena arrivati i manifesti che sarebbero dovuti andare in stampa per la giornata contro l’omofobia. Il manifesto però veniva giudicato come esagerato:  <<due uomini che si baciano? No, Umberto, non tutti capirebbero, condivido il tema, ma meglio qualcosa di più soft tipo due mani che si stringono>>.

Quando fai politica non sempre hai la certezza di sedere dalla parte della ragione, però a volte succede e lì ti giochi tutto. Tra le colonne e le statue di palazzo Hercolani dissi a Francesco che senza manifesto gli avrei, con molta serenità, rimesso le deleghe del comitato memoria e ricorrenze civili. Se in un piccolo paese un semplice manifesto che parla di eguaglianza e amore anche tra persone dello stesso sesso può dar scandalo allora vuol dire che ce ne a  maggior ragione bisogno e un politico non dovrebbe aver paura di perder consenso su temi del genere, noi dobbiamo guidare, non esser trainati.

Alla fine quell’anno stampammo diverse versioni, sia con ragazze, che con mani strette e ragazzi.
Dall’anno dopo rimase solo il bacio senza che nessuno avesse obbiettato qualcosa.

Ora, perché ripercorrere questa storia?
Perché oggi, davanti alle notizie che arrivano dagli States, una discussione come quella di allora mi sembra fantascienza.

#loveislove, un giorno sarà così anche in Italia, ma perché accada c’è bisogno che ognuno di noi si impegni.
#loveislove e uno stato che se ne faccia garante, nel mio piccolo andrò a chiedere questo sabato al pride di Bologna. Venite anche voi?
Le cose cambiano, cambiandole.

Annunci

Entry filed under: Senza Categoria. Tags: , , , .

OdG e radici: vi presento mia nonna Nuria. Spilamberto e il servizio mensa: cosa cambierà?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Questa mattina la presentazione alla Camera del Festival della Migrazione. Insieme a Migrantes Caritas, Porta Aperta, Università di Modena, terzo settore ed enti locali la prossima settimana daremo vita ad una tre giorni modenesi di approfondimento per andare oltre i facili luoghi comuni. 
Come Comune di Spilamberto insieme a Maranello, Formigine, Modena e Regione abbiamo scelto di sostenere il Festival perché siamo quelli che stanno in mezzo tra la gestione del fenomeno migratorio e l'opinione pubblica. 
Come Umberto, nipote di una profuga somala, non mi sentirei di fare altrimenti. 
Forse non porta voti, ma porta senso. 
Vi aspettiamo! 
Qui il programma: http://www.festivalmigrazione.world/

#politica #migrazione #migranti #viaggio #diritti
#montecitorio #cameradeideputati #parlamento Di bicicletta, sudore e colline.
#mtb #sunshine #igersmodena #igersemilia #trecroci #castelvetrodimodena #marano #terredicastelli Questa mattina a Spilamberto, davanti alla chiesa di Sant' Adriano, si raccolgono le firme per mandare al parlamento questa proposta di legge sull'immigrazione in modo da superare la Bossi-Fini.
--> http://www.radicali.it/campagne/immigrazione/

Una dimostrazione di civiltà! Per favore diffondete e firmate. È molto bello potersi confrontare con persone del genere. #workinprogress
#direzionepd Bellezza, avventura e libertà. Sì, sono soddisfatto, molto.
Spero siate stati bene e vi sia piaciuto. Grazie a tutte le persone che rimboccandosi le maniche l'hanno reso possibile. Da chi ha suonato con la banda per tre giorni con tanto di processione agli uffici e il museo del balsamico, da chi ha fritto ininterrottamente o mescolato mosto per due giorni a chi si è occupato della sicurezza, da chi ci ha fatto sognare coi racconti per bambini e curato vere e proprie opere d'arte, da chi ha pedalato per la prima volta nella sua vita con coraggio e determinazione 40km in mtb per le nostre belle terre a chi ci ha accompagnato e quel percorso l'ha preparato: tutti!
Avete proprio fatto del vostro meglio. Vedervi così mi rende davvero orgoglioso e mi carica di entusiamo.
Ora collasso a letto, buonanotte cara Spilla! #mastcot #passalaparola #acetobalsamicotradizionaledimodena #Spilamberto #grazie