Io non mi chiamo Candido

19 febbraio, 2013 at 12:31 pm 1 commento

Tutto è bene, tutto va bene,
tutto va alla 
meglio che sia possibile.”

Voltaire, “Candido, o l’ottimismo”

Con la promessa e poi smentita  riforma pasticcio delle province e con la necessità di ridisegnare i confini dei diversi enti territoriali la regione ha varato la legge  21/2012 al seguito della quale ci è stato chiesto di riferirle entro due mesi (domani) quale per noi fosse l’ambito ottimale di gestione dei servizi associati.

La delibera fotocopia che è stata sottoposta a tutti i consigli dell’unione e anche al nostro però non spiega perché è buono e utile che l’ambito sia quello dell’unione, ma si protrae nelle prime quattro pagine nel riportare le motivazioni per cui Montese, che non fa parte dell’unione, ma fa parte del distretto sociosanitario, nel 2009 rifiutò di entrare a far parte dell’unione.

Montese o non Montese? Ma è questo il problema?

Montese o non Montese? Ma è questo il problema?

Ora, l’esercizio di lettura di documenti riportati in delibera di una campagna elettorale fa del comune di Montese potrebbero essere molto interessante per gli appassionati,  i collezionisti, e gli archeologi,  ma a mio parere è fuorviante e di ben poca utilità per chi si trova ad amministrare qui e oggi (Modena Qui 16.02.2013 Unione apertura su Montese Gazzetta 17.02.2013 consigli comunali su unione e motese Carlino 17.02.2013 unione terre di castelli e montese Modena Qui 17.02.2013 chiusura Unione Montese Modena Qui 17.02.2013 montese nell’Unione).

Quello che avrei voluto vedere nella delibera non erano le motivazioni per cui Montese non c’entra (anche perché in tal caso ci si è gravemente scordati di aggiungere le patate che potrebbero oscurare la visibilità internazionale delle Ciliege di Vignola), ma perché Spilamberto o un qualsiasi altro comune dell’Unione invece sì e più d’altri. Avrei voluto un testo con uno straccio di dato che non si limitasse a giustificare l’esistente per l’esistente, solo per il fatto che la Ragione premia con maggior contributi (quanti in più?) le unioni che combaciano col distretto socio sanitario e ambito ottimale, e ci offrisse qualcosa in più di un ragionamento del tipo:

REGIONE: Bene, ci avete scritto che l’ambito ottimale è l’Unione, perché?
COMUNI UNIONE: Perché combacerebbe col “distretto-socio-sanitario-tolto-Montese”.
REGIONE: E perché pensate che l’ambito ottimale sia il “distretto-socio-sanitario-tolto-Montese”?
COMUNI UNIONE: Perché senza Montese combacerebbe con l’Unione.
REGIONE: -.-”

Distretti socio sanitari

Distretti socio sanitari

Non me ne voglia chi ha scritto la delibera (chi ha scritto la delibera?), ma a me questo ragionamento altamente sofisticato suona un po’ come Pangloss quando insegnava le cose del mondo a Candido:

“Giacché tutto è fatto per un fine, tutto è necessariamente per l’ottimo fine: osservate bene che il naso è fatto per portar gli occhiali, e così si portan gli occhiali; le gambe son fatte visibilmente per esser calzate, e i maiali essendo fatti per mangiarli, si mangiano tutto l’anno.”

Ecco secondo me la delibera poteva avere un taglio diverso, ma non è stato così preferendo il “Montese no perché…” come se fosse questa l’unica cosa che ci chiedesse la regione per questo ieri sera alla discussione in consiglio comunale ho proposto un emendamento in cui impegnarsi a trovare argomentazioni più consistenti sull’utilità dello stare insieme che potessero essere anche la base per l’elaborazione di uno scenario dell’evoluzione delle gestioni associate comprendente anche quelle deleghe che ora sono in capo ai singoli comuni.

La regione infatti con questa legge obbliga alla gestione associata di almeno tre deleghe tra polizia municipale, welfare, protezione civile e pianificazione urbanistica, sulla base di che cosa sceglieremo di associare le prossime? Sensazioni e decisioni prese in giunta d’Unione, e solo dopo approvate acriticamente a suon di maggioranza nei consigli, o decisioni prese alla luce di un percorso tracciato insieme?

L'argomentazione più forte

Patate Vs Ciliegie?

L’emendamento è stato sostenuto in maniera trasversale, ma non è bastato, è stato bocciato.

Capisco i miei colleghi di maggioranza per cui la principale motivazione nel votare contro è stata quella di averlo proposto all’inizio del consiglio senza un’ampia discussione in gruppo, ho dato per scontato che la discussione fosse sul tavolo da tre anni e in questo ho sbagliato.

Qualche dubbio riguardo al voto contrario della lista solidarietà e ambiente che durante la discussione ha ribadito la sua contrarietà all’Unione, ma che votando contro l’emendamento ha respinto la possibilità di ricavare dati oggettivi che nell’eventualità potrebbero sostenere le loro tesi (o tombarle, io sono disposto a correre lo stesso rischio).

 A fronte di queste critiche, compresa quella seconda la quale non sarebbe stato tecnicamente corretto un emendamento collegato alla scorsa delibera, migliorerò il percorso e presenterò una mozione ad hoc costruendola insieme a chi di maggioranza o minoranza, vorrà partecipare con la curiosità di chi vuol finalmente capire dov’è per capire dove potrà andare.

Certo ormai è chiaro che la regione ha già abbozzato una via da percorrere, e per quanto sappiate che possa piacermi questa via credo sia paradossale che proprio io chieda di percorrerla con maggior consapevolezza.

Per la cronaca, alla delibera “Montese no perché…” ho votato contro. 
Io mi chiamo Umberto, non Candido.

Io non mi chiamo Candido

Appunti

Annunci

Entry filed under: Comune Unico - Fusione, Dal Consiglio Comunale, Regione. Tags: , .

Prender baratri per salti. Todo Cambia

1 commento Add your own

  • 1. eyewear  |  17 dicembre, 2013 alle 3:39 am

    At Eye Care For You, we pride ourselves on being capable to offer our individuals quality eye care solutions from board certified optometrists in North West Houston on the 249 Corridor. We offer complete eye exams, prescription and non-prescription eyeglasses, sunglasses and make contact with lenses, therapeutic treatment of eye infections and ailments such as glaucoma or cataracts and significantly a lot more. Drop in our Houston, 249 clinic and get a complete consultation – Eye Care For Your eye wellness.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Iniziano gli eventi legati alla commemorazione del 25 Aprile. Ricordiamo una Spilamberto fatta di uomini e donne coraggiose che nella loggia di una casa colonica a San Vito, in un'ansa del Guerro, in via Santa Liberata, alla Corticella o sulla carreggiata di campagna in una calda sera in via Castellaro, risposero ad una legge più alta di quella in vigore allora. Mandrioli, Cavallotti, Franchini, Bianchini, Bonetti, Calanchi, Malagoli, Castagnini, Giugni e tanti altri. Perché non importa quanti anno hai e non in importa in che anni vivi: quando la Storia bussa, a te spetta la scelta. #resistenza #liberazione
Vinitaly mode on! Portando alta la bandiera delle nostre uve e dei nostri vini! Complimenti ai nostri produttori! 👍🏽🍷🍾🌳🍁#lambrusco #pignoletto #wine #vinitaly
E poi oggi pomeriggio siamo andati a camminare con il @fai per ritrovare le tracce di scavi archeologici che ci hanno riportato a 4000 anni fa (e a conoscere dei bellissimi vitellini dell'azienda agricola La Bontà).
Oggi a Spilamberto va così. Prenditi qualche minuto, chiama qualcuno a cui vuoi bene e vatti a sdraiare là in mezzo con lui o con lei. Quei "piscialetto" e quelle margherite sono lì per voi. 🌼
Oggi abbiamo incontrato Enrico. Coraggioso testimone che partendo dal suo passato ci può aiutare ad aprire gli occhi sul nostro presente e mettere in guardia sul nostro futuro a nord e sud del Mediterraneo. Grazie al comitato genitori e alla scuola per la bella iniziativa fondamentale per i nostri ragazzi.
Per chi non mi ha visto a Roma o altrove ecco, oggi il mio compito era essere qua. Ho pedalato giù dai sassi in fretta e ci sono arrivato in tempo. "In fuga dalla Siria" davvero bello. Anche se adesso non serve a nessuno guadagnare voti gridando al migrante ve la consiglio perché le elezioni passano, i drammi no. Fa pensare. Molto. #refugees Un grande grazie agli organizzatori, sono felice che anche lì ci sia tanta Spilamberto.