Così simili, così diversi, così Valle del Samoggia

16 novembre, 2012 at 8:42 am 1 commento

Siamo un gruppo di amici a cui piacciono le cose buone e belle: ad Alberto piace fare foto e video, a Nicola piace l’architettura e girare video e a me fare giri in bici e sognare.

Abbiamo una cosa in comune.
Un giorno aprendo gli occhi ci siamo resi conto, pur venendo da paesi diversi, di essere profondamente innamorati del nostro territorio, del rosso delle vigne del Grasparossa e dei calanchi di Savignano, dei tramonti di Via Collecchio e dell’aria frizzante dei sassi di Rocca, dei ciottoli del Panaro e tanto altro che caratterizza l’ambiente in cui viviamo. Non comune, non città, ma territorio.
Territorio, entità che va oltre i confini artificiali imposti dall’uomo, e ne segue altri più antichi profondamente legati alle colline, al fiume che le attraversa e al vino che si produce nella valle.
E’ un territorio fatto di tanti castelli il nostro e da questi prende il suo nome: Terre di Castelli.

Negli anni gli amministratori dei diversi comuni della zona hanno costruito dei legami di collaborazione sempre più saldi. Oggi, al posto dei tanti comuni divisi, vorremmo che si trovasse il coraggio e la volontà di unire finalmente le forze e costituire un’unica amministrazione, eletta direttamente dalla comunità, in grado di governare in modo organico l’intera zona.
Mentre noi chiediamo agli amministratori di prendere impegni certi in tal senso, quanto meno nel sondarne la possibilità, altri a noi vicini hanno già intrapreso questa strada.

Il 25 novembre nella Valle del Samoggia, zona a noi confinante, tutti i cittadini saranno chiamati a prender parte ad un referendum per decidere se costituire insieme un comune unico oppure no.
Ispirati da quanto fatto in Unione Europea questo video vuole essere un dono per loro, perché rendendosi conto delle loro differenze, delle loro somiglianze e del loro esser figli di una stessa valle possano precederci con successo in questa scelta coraggiosa aprendo gli occhi anche a noi e perché no, all’Italia intera.

Dal Panaro al Samoggia, con affetto
Nicola, Alberto e Umberto.

Valle del Samoggia Castelletto di Serravalle

Annunci

Entry filed under: Comune Unico - Fusione, Senza Categoria. Tags: , , , , , .

Son cose che fanno piacere. “Esplora. Sogna. Scopri”. Matteo, Grazie.

1 commento Add your own

  • 1. Hester  |  23 dicembre, 2013 alle 8:06 pm

    It depends upon how many servings of coffee you are making.
    Store-bought coffee grounds are pre-packed, which means you never know just how long they have been sitting on the shelves for.
    Here am i do is pop the T-disc into the coffee brewer and away we go.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Venerdì sera con Giuseppe 
#project #workinprogress #workhardplayhard #beatagioventù Esci di corsa per prendere il tram e... sbam! Sbatti contro la storia. 
Era nato cent'anni prima di me. "QUI ABITAVA ANTONIO ATZORI, NATO 1887, ARRESTATO COME POLITICO, 4.1.1944, DEPORTATO, KZ MATHAUSEN, MORTO, 15.2.1945"

#arrestatocomepolitico #antifascismo
#1887 #1987 #87 La nostra ambizione è fondare gli Stati Uniti d'Europa, la bella notizia è che Emma Bonino è con noi. #direzionepd @partitodemocratico @piueuropa “Ogni pensiero può cambiare il destino,
persino un bambino sa farlo,
basta avere un sogno,
e poi stringerlo in pugno,
vedrai si avvererà.” "Mamma, papà, mi sono innamorato: si chiama Giuseppe!" Ecco precisamente otto anni fa in casa con queste parole facevo il coming out più difficile. Prima mia madre poi, una volta salite quelle scale, mio padre. Lo ammetto, mi aspettavo un abbraccio, un invito a cena o qualcosa del genere, e invece mi schiantai a tutta velocità contro un "ci hai deluso", un "sarebbe stato meglio un tumore" e altre esternazioni che col tempo ho rimosso. Fortunatamente le cose da allora stanno migliorando. Siamo cresciuti, tutti. Se oggi sono qui raccontarlo lo devo ad alcune convinzioni e persone. La prima Is.43 "tu sei prezioso ai miei occhi", la seconda mia sorella presente da sempre, a ruota mio cognato e davvero tanti altri amici e parenti che si sono resi strumenti d'amore e non di sofferenza. A loro il mio grazie. Sono felice perché oggi (finalmente) ci siamo messi d'accordo per una pizzata insieme: è un evento. Mamma e papà, ci sono voluti otto anni, ma finalmente ci siamo, insieme. Grazie.
Spero che queste poche parole possano essere d'aiuto a quelle ragazze e quei ragazzi che oggi soffrono per colpa di pregiudizi inculcati nella testa dei loro genitori da una educazione disumana disumanizzante e che le stesse parole possano aiutare quelle madri e quei padri che soffrono perché "mal-educati" per questo ancora incapaci di abbandonare aspettative, preconcetti e falsi dogmi per abbracciare pienamente l'amore dei propri figli amandoli così come sono felici perché semplicemente esistono. 
Un grazie particolare a Max Gazzè, quel giorno per tutto il giorno ascoltai una sua canzone "splendere ogni giorno il sole". Wow! Anno intenso, di grazia e chissà il prossimo. Grazie! #bestnine2017 #2017 "Al pascolo si sedeva per terra e le controllava dall'alto, intagliando un legnetto con il coltello a serramanico.
- Non puoi star lí, - mi disse, l'unica volta che mi parlò.
- Perché? - chiesi.
- Pesti l'erba.
- E dov'è che posso stare?
- Di là.
Indicò l'altra sponda del torrente." Paolo Cognetti, Le otto montagne.
#montagna #monterosa #cognetti #einaudi
grazie agli scout la possibilità di veder chiari certi luoghi impressi nel cuore.

@puntoeinaudimilano