Don Elio non è rimasto indifferente. Noi?

8 maggio, 2011 at 5:53 pm 1 commento

Cimitero di Rifredi

“Ciao Umberto, l’amministrazione di Firenze ci ha invitato a presenziare alla cerimonia di commemorazione di Don Elio Monari e altri 16 partigiani uccisi sulle sponde dell’Arno, puoi andarci per rappresentare il comune? -Volentieri!-”

E come potevo dir di no? Elio Monari, o per meglio dire Don Elio Monari, classe 1914 spilambertese, prende parte al movimento della resistenza entrando nella brigata partigiana Italia, durante un’azione in appennino esce allo scoperto per dare l’estrema unzione a un tedesco morente. In quel momento viene catturato, successivamente portato a Firenze, spogliato della tonaca da prete, torturato nella Villa Triste da parte di altri italiani, i fascisti della brigata carità, da essi ucciso e gettato in una fossa comune sulle sponde dell’Arno.

Don Elio Monari

A Firenze piove, assieme ai rappresentanti dell’ANPI di Modena, di Firenze e le scolaresche ci dirigiamo verso il luogo in cui fu seppellito Don Elio.

Un esempio, il suo agire, in netto contrasto con l’egoismo che oggi guida le azioni di troppi.

Un esempio che ti fa mettere da parte gli impegni di una giornata e prendere un treno di prima mattina per poter dire a dei ragazzi poche parole: aprite gli occhi, guardatevi attorno e non siate indifferenti.

Con l’augurio che possa essere per noi un esempio di coraggio, coraggio di mettere al centro il prossimo. A nome di tutta la comunità spilambertese, al nostro compaesano don Elio Monari: Grazie.

Umberto Costantini

Consigliere comunale di Spilamberto

Monumento al Parco delle Cascine

PS.

Tornando a casa ho pensato che in fondo anche il sacrificio di Don Elio  “dare la vita allo scopo di salvare un’anima” è molto simile al motto con cui Vittorio Arrigoni, il cooperante recentemente assassinato in Palestina chiudeva i suoi messaggi: “restiamo umani”.

Caro Vittorio, restiamo umani, nel solco di Don Elio. Ora c’è il sole.

Annunci

Entry filed under: Memoria. Tags: , , .

Fusione? Si parte! …da Bologna. Sul Rubicone sì e sul Panaro no?

1 commento Add your own

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Questa mattina la presentazione alla Camera del Festival della Migrazione. Insieme a Migrantes Caritas, Porta Aperta, Università di Modena, terzo settore ed enti locali la prossima settimana daremo vita ad una tre giorni modenesi di approfondimento per andare oltre i facili luoghi comuni. 
Come Comune di Spilamberto insieme a Maranello, Formigine, Modena e Regione abbiamo scelto di sostenere il Festival perché siamo quelli che stanno in mezzo tra la gestione del fenomeno migratorio e l'opinione pubblica. 
Come Umberto, nipote di una profuga somala, non mi sentirei di fare altrimenti. 
Forse non porta voti, ma porta senso. 
Vi aspettiamo! 
Qui il programma: http://www.festivalmigrazione.world/

#politica #migrazione #migranti #viaggio #diritti
#montecitorio #cameradeideputati #parlamento Di bicicletta, sudore e colline.
#mtb #sunshine #igersmodena #igersemilia #trecroci #castelvetrodimodena #marano #terredicastelli Questa mattina a Spilamberto, davanti alla chiesa di Sant' Adriano, si raccolgono le firme per mandare al parlamento questa proposta di legge sull'immigrazione in modo da superare la Bossi-Fini.
--> http://www.radicali.it/campagne/immigrazione/

Una dimostrazione di civiltà! Per favore diffondete e firmate. È molto bello potersi confrontare con persone del genere. #workinprogress
#direzionepd Bellezza, avventura e libertà. Sì, sono soddisfatto, molto.
Spero siate stati bene e vi sia piaciuto. Grazie a tutte le persone che rimboccandosi le maniche l'hanno reso possibile. Da chi ha suonato con la banda per tre giorni con tanto di processione agli uffici e il museo del balsamico, da chi ha fritto ininterrottamente o mescolato mosto per due giorni a chi si è occupato della sicurezza, da chi ci ha fatto sognare coi racconti per bambini e curato vere e proprie opere d'arte, da chi ha pedalato per la prima volta nella sua vita con coraggio e determinazione 40km in mtb per le nostre belle terre a chi ci ha accompagnato e quel percorso l'ha preparato: tutti!
Avete proprio fatto del vostro meglio. Vedervi così mi rende davvero orgoglioso e mi carica di entusiamo.
Ora collasso a letto, buonanotte cara Spilla! #mastcot #passalaparola #acetobalsamicotradizionaledimodena #Spilamberto #grazie