Abbelliamo il Deserto: Casa dell’Acqua!

8 novembre, 2010 at 12:44 am 1 commento

Ciao a tutti! quest’estate tra km macinati nella meseta spagnola e campi scout fatti nelle verdi (…non solo per le piante…) valli bresciane mi è venuta un’idea da proporvi: L’acqua Frizzante!

La scoperta dell'Acqua Frizzante

Con gli scout sono stato a Capovalle, comune di

ben 448 abitanti, val di Sabbia (BS).

Tutti gli abitanti a cui andavamo a chiedere informazioni sul posto ci indicavano come attrazione  di punta del paese una fontana con l’acqua frizzante (gran roba dirai vicino ci mettiamo anche la fontana dell’acqua calda  e poi abbiamo fatto la scoperta del secolo…).

E invece devo chiedere scusa ai camposantesi(?) perché subito non le ho dato molta importanza finchè un pomeriggio attraversando il paese non ci siamo capitati davanti: un piazzale con tanto di parcheg

gio e fermata autobus, con una casetta in legno di quelle della pircher sul fondo, sotto alla tettoia c’era la fontana.
Fontana bella come la nostra in splendito cemento armato di piazza sassatelli?

Non proprio…anzi un simil lavatoio in marmo. (quella nella foto dell’articolo è in un altro paese lì vicino e c’è solo la tettoia, in quella che dico io addirittura nella casetta c’era un bagno pubblico!!! Pulito!!!)

 

La cosa stupefacente non sono stati il marmo,l’acqua gassata o il bagno pulito (anzi il bagno pulito un po’ sì), la cosa che mi ha stupito è stata la fequenza con cui le persone venivano a riempire le bottiglie! E mentre le riempivano si parlavano pure!

Da qui mi è partita la deformazione professionale, ho chiesto al sindaco locale come avessero fatto a farla, da dove gli era venuta l’idea ecc…
L’iniziativa è partita dalla provincia di Brescia che assieme all’AATO, ad A2A (la loro HERA) e ad alcuni comuni aderenti hanno messo in piedi questo progetto pilota.

In comune abbiamo approvato un OdG sulla promozione dell’utlizzo dell’acqua del rubinetto,
vox populi continua a dire che non è bene bere acqua del rubinetto perché troppo dura (confondendo probabilmente i reni con la lavastoviglie o la lavatrice) e in comune ci sono i boccioni di acqua usa e getta, invece che quelli con gli attacchi HERA visti in provincia.

In più macinando km sotto il sole mi son reso conto che ogni punto acqua  è davvero una benedizione “Cio’ che abbellisce il deserto e’ che nasconde un pozzo in qualche luogo” (Il Piccolo Principe) o un bevaio aggiungo io…
Aggiungete il fatto che Spilamberto si trova sulla strada dei pellegrini (vedi ospitale di san Bartolomeo, ma la coop era già un punto di sosta?) e il gioco è fatto, già mi immagino un punto acqua con tanto di aforisma sulla bellezza del camminare/viaggiare inciso e perché no un palo che indicata direzione e distanza delle principali mete di pellegrinaggi tipo Gerusalemme 2500 km 20° est, Santiago 1500 km ovest, Canterbury 1129 30°ovest, Roma 352 km sud.
E chissà magari potrebbe diventare anche punto di partenza per i viaggiatori spilambertesi e ristoro per chi farà tappa da noi.

Oltre tutte le motivazioni romantiche ci sarebbe la questione del risparmio per le famiglie conseguente abbattimento dei rifiuti, ritorno di immagine per hera e per gli enti locali.

In giro per l’Italia ci sono anche le cosiddette Case dell’acqua, un po’ più spartane e  mio parere meno intergrabili in un contesto di arredo urbano / monumento funzionale.
Però dal marmo di botticino al pannello di alluminio e plastica forse una via di mezzo si può trovare.

Voi che ne dite? Che frase ci mettereste, soprattutto dove la vorreste?

Annunci

Entry filed under: Senza Categoria. Tags: , , , .

Un passo sul ponte Umberto a Spilamberto

1 commento Add your own

  • 1. Umberto a Spilamberto « SpilUmberto  |  8 novembre, 2010 alle 1:21 am

    […] acqua del rubinetto nelle sedi pubbliche al posto di quella in bottiglia, l’ho proposto, l’abbiamo approvato, abbiamo avuto aspre discussioni con un gruppo di genitori a vignola perchè non volevano che i loro figli bevessero, gli abbiamo risposto con i dati positivi dell’asl delle analisi dell’acqua prelevata. La ragione deve sconfiggere i “per sentito dire”  (vedi). Dopo quest’estate mi è venuta anche un altra idea, oltre a rimetttere in sesto i punti acqua esistenti. News: CASA DELL’ACQUA […]

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Iniziano gli eventi legati alla commemorazione del 25 Aprile. Ricordiamo una Spilamberto fatta di uomini e donne coraggiose che nella loggia di una casa colonica a San Vito, in un'ansa del Guerro, in via Santa Liberata, alla Corticella o sulla carreggiata di campagna in una calda sera in via Castellaro, risposero ad una legge più alta di quella in vigore allora. Mandrioli, Cavallotti, Franchini, Bianchini, Bonetti, Calanchi, Malagoli, Castagnini, Giugni e tanti altri. Perché non importa quanti anno hai e non in importa in che anni vivi: quando la Storia bussa, a te spetta la scelta. #resistenza #liberazione
Vinitaly mode on! Portando alta la bandiera delle nostre uve e dei nostri vini! Complimenti ai nostri produttori! 👍🏽🍷🍾🌳🍁#lambrusco #pignoletto #wine #vinitaly
E poi oggi pomeriggio siamo andati a camminare con il @fai per ritrovare le tracce di scavi archeologici che ci hanno riportato a 4000 anni fa (e a conoscere dei bellissimi vitellini dell'azienda agricola La Bontà).
Oggi a Spilamberto va così. Prenditi qualche minuto, chiama qualcuno a cui vuoi bene e vatti a sdraiare là in mezzo con lui o con lei. Quei "piscialetto" e quelle margherite sono lì per voi. 🌼
Oggi abbiamo incontrato Enrico. Coraggioso testimone che partendo dal suo passato ci può aiutare ad aprire gli occhi sul nostro presente e mettere in guardia sul nostro futuro a nord e sud del Mediterraneo. Grazie al comitato genitori e alla scuola per la bella iniziativa fondamentale per i nostri ragazzi.
Per chi non mi ha visto a Roma o altrove ecco, oggi il mio compito era essere qua. Ho pedalato giù dai sassi in fretta e ci sono arrivato in tempo. "In fuga dalla Siria" davvero bello. Anche se adesso non serve a nessuno guadagnare voti gridando al migrante ve la consiglio perché le elezioni passano, i drammi no. Fa pensare. Molto. #refugees Un grande grazie agli organizzatori, sono felice che anche lì ci sia tanta Spilamberto.