Contributo di Gad… Lerner

6 giugno, 2009 at 9:43 am Lascia un commento

Chi segue abitualmente questo blog bastardo conosce gli argomenti della mia adesione critica al Partito Democratico, approdo faticoso e contraddittorio della stagione dell’Ulivo con cui per due volte, in un sistema politico che consentiva l’alternanza, il centrosinistra è riuscito a guidare un paese tendenzialmente conservatore come l’Italia. Continuo a pensare che la ricostruzione di un progetto riformatore all’altezza, dentro la crisi che sta vivendo il sistema economico mondiale, da noi potrà svilupparsi solo dentro al contenitore unitario del Pd.

Non vedo partiti e partitini che abbiano un futuro utile per cambiare l’Italia, al di fuori di esso. Ciò naturalmente non mi impedisce di riconoscerne i limiti, e di denunciarli come sto facendo fin dalla sua nascita. Soffre innanzitutto un deficit di democrazia: scarso rispetto delle regole interne e una nomenclatura aggrappata al potere residuo che frena il necessario ricambio dei gruppi dirigenti. Come dimostra la penalizzazione delle donne e dei giovani che invece sarebbero i protagonisti dell’unica offensiva vincente nei confronti della destra al comando.

Oggi non ho esitazioni a votare Partito Democratico alle elezioni europee e alle amministrative perchè lo considero al tempo stesso l’unica scelta efficace di resistenza al regime populista di Berlusconi, e l’unico investimento credibile per un’alternativa futura.

Votare in sostegno a furbacchioni che se la cavano facendo la voce grossa, come se bastasse esprimere malumore nelle urne; o peggio rinunciare al voto incuranti della forza che si concede così alla destra: sono a mio avviso scelte irrazionali da evitare. Aggiungo che tutto sommato, nella sua fragilità evidente, Dario Franceschini ha compiuto delle buone scelte in materia referendaria, ha riproposto lo spirito unitario dell’Ulivo, si è sforzato di tenere alta la bandiera del solidarismo nelle politiche sociali, ha denunciato il degrado da basso impero di Berlusconi e della sua corte. Più debole, non a caso, Franceschini si è rivelato nella selezione delle candidature, a testimonianza dei ricatti oligarchici da cui resta afflitto il Pd.

Non è indebolendolo che lo aiuteremo a rinnovarsi. Per questo vi invito tutti a votare, e a votare Pd.

http://www.gadlerner.it

Annunci

Entry filed under: Politica Nazionale, Senza Categoria.

Del nostro Meglio Il cammino prosegue, Insieme.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Venerdì sera con Giuseppe 
#project #workinprogress #workhardplayhard #beatagioventù Esci di corsa per prendere il tram e... sbam! Sbatti contro la storia. 
Era nato cent'anni prima di me. "QUI ABITAVA ANTONIO ATZORI, NATO 1887, ARRESTATO COME POLITICO, 4.1.1944, DEPORTATO, KZ MATHAUSEN, MORTO, 15.2.1945"

#arrestatocomepolitico #antifascismo
#1887 #1987 #87 La nostra ambizione è fondare gli Stati Uniti d'Europa, la bella notizia è che Emma Bonino è con noi. #direzionepd @partitodemocratico @piueuropa “Ogni pensiero può cambiare il destino,
persino un bambino sa farlo,
basta avere un sogno,
e poi stringerlo in pugno,
vedrai si avvererà.” "Mamma, papà, mi sono innamorato: si chiama Giuseppe!" Ecco precisamente otto anni fa in casa con queste parole facevo il coming out più difficile. Prima mia madre poi, una volta salite quelle scale, mio padre. Lo ammetto, mi aspettavo un abbraccio, un invito a cena o qualcosa del genere, e invece mi schiantai a tutta velocità contro un "ci hai deluso", un "sarebbe stato meglio un tumore" e altre esternazioni che col tempo ho rimosso. Fortunatamente le cose da allora stanno migliorando. Siamo cresciuti, tutti. Se oggi sono qui raccontarlo lo devo ad alcune convinzioni e persone. La prima Is.43 "tu sei prezioso ai miei occhi", la seconda mia sorella presente da sempre, a ruota mio cognato e davvero tanti altri amici e parenti che si sono resi strumenti d'amore e non di sofferenza. A loro il mio grazie. Sono felice perché oggi (finalmente) ci siamo messi d'accordo per una pizzata insieme: è un evento. Mamma e papà, ci sono voluti otto anni, ma finalmente ci siamo, insieme. Grazie.
Spero che queste poche parole possano essere d'aiuto a quelle ragazze e quei ragazzi che oggi soffrono per colpa di pregiudizi inculcati nella testa dei loro genitori da una educazione disumana disumanizzante e che le stesse parole possano aiutare quelle madri e quei padri che soffrono perché "mal-educati" per questo ancora incapaci di abbandonare aspettative, preconcetti e falsi dogmi per abbracciare pienamente l'amore dei propri figli amandoli così come sono felici perché semplicemente esistono. 
Un grazie particolare a Max Gazzè, quel giorno per tutto il giorno ascoltai una sua canzone "splendere ogni giorno il sole". Wow! Anno intenso, di grazia e chissà il prossimo. Grazie! #bestnine2017 #2017 "Al pascolo si sedeva per terra e le controllava dall'alto, intagliando un legnetto con il coltello a serramanico.
- Non puoi star lí, - mi disse, l'unica volta che mi parlò.
- Perché? - chiesi.
- Pesti l'erba.
- E dov'è che posso stare?
- Di là.
Indicò l'altra sponda del torrente." Paolo Cognetti, Le otto montagne.
#montagna #monterosa #cognetti #einaudi
grazie agli scout la possibilità di veder chiari certi luoghi impressi nel cuore.

@puntoeinaudimilano