Volontariato Giovanile e Non..

20 maggio, 2009 at 5:37 pm Lascia un commento

” Tempo non c’è tempo sempre più in affanno
inseguo il nostro tempo vuoto di senso senso di vuoto
E persone quante tante persone un mare di gente nel vuoto… “

Questo è l’inizio di una canzone, Vuoto, di Franco Battiato.

Che c’entra col volontariato?

Semplice ogni volta che chiedo ad un amico se vuole dedicare un paio d’ore la settimana per portare avanti un progetto di giustizia, solidarietà e cooperazione internazionale viene portato sul banco delle scuse, direttamente o indirettamente, il Tempo.

Limitato, prezioso, troppo poco per alzare la testa e dedicarsi ad altro che non sia il tran tran quotidiano, un insieme di affari propri, obblighi e doveri apparentemente imposti.

Già, imposti… perchè tornato da scuola qualcuno ci impone di connetterci a messenger o fb, qualcuno ci obbliga a giocare con la play delle ore, a passare un pomeriggio a provare borsette scarpe e cappotti e se va bene andare ad allenamento. Chi è questo qualcuno così potente?
Noi, solo noi.
Qual’è il senso delle cose che facciamo durante la giornata?

Vuoto…vuoto di senso appunto.

Io credo che gli amministratori della giornata dovremmo essere noi, dovremmo in primo luogo capire cosa vuol dire essere veramente soddisfatti della propria giornata, e aver
La certezza, quando andiamo a dormire, che questa giornata non è stata vana, che vivendola ho contribuito a migliorare in qualche modo le imperfezoni di questo mondo.

Cosa ci fà alzare la mattina e addormentare sereni la sera?

La certezza che ogni mio respiro è servito ad alimentare un corpo che si è reso strumento per riequilibrare la bilancia della giustizia.
La certezza che ogni singolo battito del cuore ha avuto senso, che anche quella giornata è stata vissuta per qualcosa. Che è valsa la pena di alzarsi e lavorare.

Qualche mese fa, all’alba del Sabato Santo, sotto la pioggia circondato da guide e amici ho professato il mio credo, il Senso che colma il Vuoto, fare la felicità degli altri, il servizio guidato da quella forza che sì ti obbliga ad alzarti, respirare, lavorare, l’Amore.

Voleva essere l’ennesimo tentativo di chiedervi di prender parte al progetto della Bottega di Vignola, si è traformato in una preghiera di dar senso alla vostra vita e testimoniarlo nella concretezza della quotidianità, in qualsiasi ambito, basta sia concreto.

Vergognatevi delle mani pulite perchè come tanti cantano: ” ..sporcarsi le mani in questo mare è un segno.. “

Buon pomeriggio a tutti.

Annunci

Entry filed under: Senza Categoria. Tags: , , , , , , , , .

La Trasparenza nasce anche dal basso? Redditi On line. Da allevatori evasori a Senatori…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

Venerdì sera con Giuseppe 
#project #workinprogress #workhardplayhard #beatagioventù Esci di corsa per prendere il tram e... sbam! Sbatti contro la storia. 
Era nato cent'anni prima di me. "QUI ABITAVA ANTONIO ATZORI, NATO 1887, ARRESTATO COME POLITICO, 4.1.1944, DEPORTATO, KZ MATHAUSEN, MORTO, 15.2.1945"

#arrestatocomepolitico #antifascismo
#1887 #1987 #87 La nostra ambizione è fondare gli Stati Uniti d'Europa, la bella notizia è che Emma Bonino è con noi. #direzionepd @partitodemocratico @piueuropa “Ogni pensiero può cambiare il destino,
persino un bambino sa farlo,
basta avere un sogno,
e poi stringerlo in pugno,
vedrai si avvererà.” "Mamma, papà, mi sono innamorato: si chiama Giuseppe!" Ecco precisamente otto anni fa in casa con queste parole facevo il coming out più difficile. Prima mia madre poi, una volta salite quelle scale, mio padre. Lo ammetto, mi aspettavo un abbraccio, un invito a cena o qualcosa del genere, e invece mi schiantai a tutta velocità contro un "ci hai deluso", un "sarebbe stato meglio un tumore" e altre esternazioni che col tempo ho rimosso. Fortunatamente le cose da allora stanno migliorando. Siamo cresciuti, tutti. Se oggi sono qui raccontarlo lo devo ad alcune convinzioni e persone. La prima Is.43 "tu sei prezioso ai miei occhi", la seconda mia sorella presente da sempre, a ruota mio cognato e davvero tanti altri amici e parenti che si sono resi strumenti d'amore e non di sofferenza. A loro il mio grazie. Sono felice perché oggi (finalmente) ci siamo messi d'accordo per una pizzata insieme: è un evento. Mamma e papà, ci sono voluti otto anni, ma finalmente ci siamo, insieme. Grazie.
Spero che queste poche parole possano essere d'aiuto a quelle ragazze e quei ragazzi che oggi soffrono per colpa di pregiudizi inculcati nella testa dei loro genitori da una educazione disumana disumanizzante e che le stesse parole possano aiutare quelle madri e quei padri che soffrono perché "mal-educati" per questo ancora incapaci di abbandonare aspettative, preconcetti e falsi dogmi per abbracciare pienamente l'amore dei propri figli amandoli così come sono felici perché semplicemente esistono. 
Un grazie particolare a Max Gazzè, quel giorno per tutto il giorno ascoltai una sua canzone "splendere ogni giorno il sole". Wow! Anno intenso, di grazia e chissà il prossimo. Grazie! #bestnine2017 #2017 "Al pascolo si sedeva per terra e le controllava dall'alto, intagliando un legnetto con il coltello a serramanico.
- Non puoi star lí, - mi disse, l'unica volta che mi parlò.
- Perché? - chiesi.
- Pesti l'erba.
- E dov'è che posso stare?
- Di là.
Indicò l'altra sponda del torrente." Paolo Cognetti, Le otto montagne.
#montagna #monterosa #cognetti #einaudi
grazie agli scout la possibilità di veder chiari certi luoghi impressi nel cuore.

@puntoeinaudimilano